Merighetti: 'Gran giornata. Vorrei una medaglia a Vail'

0

Le parole della Bresciana dopo il terzo posto in discesa a Cortina

‘Sul podio di Cortina chi ci metti? Daniela Merighetti’, è lo striscione di Sarone con gli Azzurri che ha portato bene alla bresciana, di nuovo sul podio dell’Olympia delle Tofane. «Lo cercavo e l’ho preso questo podio – dice Daniela a fisi.org -. Nella prima prova sono caduta alla quinta porta e non ho potuto nemmeno provare la pista, venerdì non ero molto sicura e comunque è arrivato il settimo posto. Elena ha vinto e ha portato grande fiducia nella squadra. Oggi sapevo di poter far bene, perché avevo un numero di partenza basso e sapevo di poterlo sfruttare al massimo. Ultimamente cerco di divertirmi e di dare tutto ciò che ho. E’ stata una grande giornata per la squadra: io sul podio, Elena quarta e Hanna settima. Sono molto contenta per lei che prende un posto per i Mondiali dopo tutto quello che ha sofferto con i problemi al ginocchio e alla schiena. C’è un bellissimo clima in squadra». 

MONDIALI – «Cortina e Bad Kleinkirchheim sono le mie piste preferite – prosegue Daniela -. A Bad ho debuttato in discesa nel 2006 e sono arrivata subito nona. Quest’anno le gare di Bad sono saltate, ma mi sono rifatta oggi. Beaver Creek, la pista del Mondiali, è una pista completa, che mi piace, è piuttosto lunga, penso che ci divertiremo. Sono stata quarta a Sochi, ma tutto è possibile nello sci, anche un Podio ai Mondiali». 

FUTURO – «Molti mi chiedono se questa sarà la mia ultima stagione di gare – dice Dada -, è chiaro che non è facile a 34 anni allenarsi tutti i giorni al massimo e fare tutto il circuito di gare. Ci sono giornate d’estate che è veramente dura, poi ci sono giornate come oggi che ripagano di tutto. Smetterò solo quando non ne potrò veramente più». 
 
 

 
 

Articolo precedenteVonn nella storia: vittoria n.62. Merighetti terza
Articolo successivoPeter Fill, piccola frattura ad una spalla?
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine