Memorial Fosson: niente superG, si corre in slalom

0
764

Massimo Raffaelli: «La nostra priorità è la sicurezza dei ragazzi»

L’inizio di stagione anomalo dal punto di vista delle precipitazioni nevose e soprattutto della temperatura non ha risparmiato neppure la Valle d’Aosta. Una situazione critica che però non ha scoraggiato gli organizzatori del 2° Ski Club Challenge – Memorial Pietro Fosson, la manifestazione ideata dallo sci club Aosta in collaborazione con la rivista Race ski magazine e l’azienda tecnica Energiapura. Da un mese tutto lo staff sta lavorando a stretto contatto con Mauro Cornaz della Pila spa e valutando situazioni alternative per rendere la manifestazione sicura e valida tecnicamente.

«Apprezziamo molto gli sforzi messi in campo da parte degli impiantisti della Valle, che stanno lottando contro una situazione veramente atipica per permetterci di rispettare il programma originario – ha commentato il referente dell’organizzazione, Massimo Raffaelli -. Tuttavia la nostra priorità è la sicurezza dei ragazzi. Riteniamo che sia importante dare un segnale in questo senso. Abbiamo pensato dunque che sia inutile ostinarsi a gareggiare in superG, disciplina che a inizio stagione può rivelarsi ostica per tanti sci club che non hanno avuto a disposizione condizioni adeguate per allenarsi. Oltretutto per il prossimo week-end è previsto un netto peggioramento del meteo: potrebbe essere la volta buona per la neve, ma per una gara giovanile nelle discipline veloci non sarebbe la condizione ideale. Per questo motivo il nuovo programma  prevederà 2 gare di slalom e 2 gare di gigante». Una decisione che non abbassa il valore tecnico della competizione, ma che rassicura dal punto di vista della sicurezza.

«Il nostro obiettivo è di aprire la stagione agonistica per la categoria Children – ha spiegato il responsabile tecnico Giuseppe Butelli – e intendiamo farlo nei migliore dei modi. Il Memorial Fosson è sì una gara di alto livello, ma anche un momento di incontro tra allenatori e atleti di tutta Italia. È un peccato rinunciare al superG, ma credo che quattro giorni di gare, con due slalom (due manche ognuno) e due giganti sia comunque un programma molto appetibile per tutti gli sci club, visto soprattutto il difficile momento a livello generale».
Infatti i giovani atleti hanno bisogno di sciare, di gareggiare, di scendere in pista con il pettorale. Gli organizzatori del Memorial Fosson ce la stanno mettendo tutta per garantire loro questa opportunità. «Un po’ dappertutto fioccano i rinvii e il calendario gare è pressoché rivoluzionato. Noi vogliamo assolutamente portare a termine la manifestazione e vogliamo farlo con lo stesso successo dell’anno scorso. Questo il motivo della rinuncia al superG. Un esperimento, comunque, in cui crediamo molto e che riproporremo dal prossimo inverno, sperando di essere più fortunati con il meteo».

Venerdì 16 è previsto l’arrivo dei vario sci club ad Aosta, da sabato mattina fino a martedì si gareggia. Sabato pomeriggio grande cerimonia di presentazione in Piazza Chanoux ad Aosta, martedì pomeriggio le premiazioni. C’è grande attesa nell’ambiente per scoprire chi sarà il successore dello sci club Lecco nell’albo d’oro, che rimetterà in palio il trofeo conquistato nella prima edizione. Ricordiamo che il primo premio dello Ski Club Challenge è un pulmino in uso per tutta la stagione, messo in palio da Kordata, brand di scolastica del Gruppo Preziosi. Appuntamento al prossimo week-end con lo Ski Club Challenge – Memorial Pietro Fosson.
Info: www.memorialfosson.com

Articolo precedenteAnche Lara Gut in pista per Genova
Articolo successivoIspezione FIS OK: Courchevel pronta per le gare
Claudio Primavesi
DIRETTORE RESPONSABILE - Classe 1971, milanese di nascita, brianzolo d’adozione, l’importante è che da casa si veda qualche vetta innevata! Ha iniziato con un articolo su Buzzati sciatore per arrivare a… Sochi, prima per esplorare le cime caucasiche alla ricerca della neve fresca e poi per seguire le Olimpiadi. L’auto è sempre pronta: destinazione Sölden, Kitz od Ozegna, l’importante è raccontare ai lettori di Race che cosa succede davvero nel Circo Bianco.