Mega ski-dome nella bergamasca

1
862

Dal 2014 due piste coperte di 600 metri a Selvino

50, forse 60 milioni di euro per sciare tutto l’anno. Dal 2014. E’ questo l’ambizioso progetto presentato dalla società Neveland lo scorso 22 giugno a Milano, quando è stato firmato l’accordo di programma con la Regione Lombardia, il Comune di Selvino (Bg), dove sognerà lo ski-dome, e la provincia di Bergamo. Un progetto ambizioso, con numeri da record: due piste di sci completamente interrate sul Monte Poieto lunghe 600 metri con 120 metri di dislivello. E poi hotel, ristoranti, pareti per l’arrampicata sportiva… Si salirà con una seggiovia, uno ski-lift e un talis roulant. Il complesso della bergamasca, a pochi chilometri dal capoluogo di provincia e a un’ora da Milano, prevede un’apertura dalle 7 alle 23 e aspira a ospitare gare di Coppa Europa. La prima pietra dovrebbe essere posta a gennaio 2012 e già nel 2014, se tutto andrà come da programma, si potranno disegnare i primi slalom. Un’importante novità anche per gli sci club e le squadre che avranno la possibilità di allenarsi tutto l’anno con condizioni "invernali". Se poi si considera che un’altra struttura coperta dovrebbe sorgere nel Monferrato, tra Milano e Torino…

1 COMMENTO

  1. Ho letto in qualche sito che i promotori di detta iniziativa ritengono che per rientrare dai costi è necessaria una presenza di 200.000 persone all'anno, che diviso per 365 giorni fa una presenza giornaliera di 547 persone. E' Vero?
    Se così fosse, ritengo che, data l'ubicazione, avere una presenza giornaliera di 547 persone per 365 giorni sia impossibile.
    Certi numeri, probabilmente, si otterrebbero solo se si realizzasse in prossimità di Milano.
    Che fine ha fatto il progetto di Casale Monferrato o Alessandria di cui si è parlato l'anno scorso o due anni fa?
    Umberto