Mazzolini: "Tarvisio non merita l'esclusione"

2
439

"Abbiamo sempre assecondato la Fis. Peccato per Tarvisio e per l'Italia"

Niente da fare. A Portorose la Fis ha cancellato Tarvisio dalla Coppa del Mondo, anche dalle bozze del calendario fino al 2015. Stefano Mazzolini, presidente di Promotur, non ha capito la scelta della Federazione Internazionale: “Siamo arrabbiati, inutile girarci intorno. Capisco i tagli della Fis al calendario, capisco puntare sulle classiche, ma noi abbiamo sempre assecondato la Federazione Internazionale. Sto parlando delle modifiche della pista, ma soprattutto abbiamo sempre detto si a recuperi e ad aggiunte di gare. Per non parlare poi di quante gare di Coppa Europa abbiamo messo in piedi. A Portorose siamo venuti a conoscenza della volontà della Fis, ci dispiace molto. Stavamo creando un grande evento, che allo sport affiancava anche altri aspetti, ad esempi ludici, ricreativi. Ricordate l’anno scorso la ‘notte bianca’ promossa Tarviso per la Coppa del Mondo femminile? Oltre 5000 persone avevamo portato in piazza, un coinvolgimento che ha mostrato la bontà della manifestazione. Sono state fatte altre scelte, ma noi, anche se adesso siamo ovviamente un po’ demotivati, non vogliamo fermarci. Siamo pronti a dimostrare quanto di buono abbiamo fatto e quanto siamo disposti ancora a fare. Tarvisio e l’Italia, al momento, perdono una gara di Coppa del Mondo ed una manifestazione in crescita. Inoltre voglio ricordare che la Regione Friuli Venezia Giulia ha investito nelle stazioni regionali 200 milioni di euro per impianti e strutture, a dimostrazione che noi crediamo vivamente e con fatti concreti nello sci”.
 

2 COMMENTI

  1. Non la merita di sicuro, ma così va il modo. Se l'obbiettivo è conquistare un posto al sole, devono perseverare anche a costo di rompersi la schiena ad organizzare solo gare di Coppa Europa. Non arrendersi mai. L'importante sarà però aumentare il gradimento del pubblico attorno all'evento. Solo se la gara attirerà un pubblico ben superiore ai 10.000 presenti Tarvisio potrà scalzare qualche altra località.
    Per questi aspetti schladming e Zagabria testimoniano soprattutto ciò che la FIS vuole attorno alla gara!
    Vogliono la folla strabordante, le urla i fumogeni. Insomma il clima da stadio (inglese post hooligans naturalmente!). Questo dunque è l'obbiettivo per Tarvisio. Non mollare mai e crederci per il bene dello sci e del territorio!

  2. Caro Mazzolini,dispiace immensamente anche a me che Tarvisio perda questa opportunità sportiva.
    Lo dico con cognizione di causa visto che mio figlio ha trascorso 4 anni molto belli allo skicollege Bachmann di Tarvisio.
    conosco Tarvisio quindi e l'evento in sè,gara splendidamente organizzata sotto l'aspetto sportivo e tecnico.
    Iniziamo a pagare il conto di una gestione FISI dilettantistica e pressapochista,fatta da gente modesta nelle doti e attenta solo ai tornaconti da pollaio.
    Insomma,una costola del CONI da cui deriva la gestione romanocentrica,daziosa e copulistica.