Magoni: 'Prima parte di stagione? Non sono contento'

0

L'analisi del tecnico bergamasco. Pichler: «Bene, ma c'è tanto da fare»

Sei atlete a punti, ma nessuna tra le prime dieci. Una gara che non convince, quella delle gigantiste azzurre a Kuehtai, in Tirolo, Austria, anche se si può essere contenti per i primi punti di Karoline Pichler in Coppa del Mondo, per il miglior risultato di Nicole Agnelli e per l’ottima prima manche (finché è rimasta in gara) di Marta Bassino. Troppo poco, forse. 

LIVIO MAGONI – Il responsabile delle discipline tecniche femminili, il bergamasco Livio Magoni, analizza così, al sito ufficiale FISI, il quarto gigante della stagione di Coppa del Mondo disputato a Kuehtai, ultimo prima della rassegna iridata di Vail. «Ci sono mancate le due punte, con Brignone e Fanchini all’arrivo la nostra giornata sarebbe stata diversa. E’ una pista che abbiamo fatto fatica a digerire. Con tutti questi dossi, non siamo stati abbastanza aggressivi e alla fine li abbiamo subiti. Sinceramente ho faticato a comprendere il senso delle due manches, entrambe diritte, senza una curva, siamo stati costretti a difenderci. Non sono contento di come sono andate le cose in questa prima parte della stagione, innanzitutto da me stesso, dobbiamo e possiamo fare molto meglioi». L’ex allenatore di Tina Maze analizza poi la prestaizone delle singole atlete azzurre, in gara: «Irene Curtoni sta cercando di reagire a un periodo difficile e nella seconda manche ha fatto vedere cose buone, le giovani come Agnelli e Pichler hanno fatto bene e anche Marta Bassino andava forte prima di uscire. Adesso non abbiamo ancora stilato un programma individuale di avvicinamento ai Mondiali, oltre alla gara di domani, ci rimangono altri due slalom a Zagabria e Flachau; poi, dal 12 gennaio, penseremo a preparare i Mondiali».

AGNELLI – Per la talentuosa valtellinese, classe ’92, terzo risultato a punti in Coppa del Mondo, in gigante, nettamente il migliore, con il 17esimo posto odierno. «Sono felice del mio 17esimo posto; certo, la prima manche poteva andare decisamente meglio, però facciamo un passo alla volta. La schiena è a posto, domani sarò a gare in gigante».

PICHLER
– «Alla fine sono conenta, sì, per i miei primi punti in Coppa del Mondo, ma so che potevo fare meglio, sia nella prima che nella seconda manche. E’ la strada giusta, però c’è ancora tantissimo da fare!».

SLALOM – Domani saranno sei le azzurrei al via della gara che comincerà alle ore 10.00, mentre la seconda manche è prevista alle ore 13.00 con diretta televisiva su Raisport1 ed Eurosport1. Si tratta di Chiara Costazza, Sarah Pardeller, Manuela Moelgg, Irene Curtoni, Nicole Agnelli e Federica Brignone.

 

Articolo precedenteLa prima volta di Travis Ganong
Articolo successivoHector, miracolo a Kuehtai. Azzurre lontane
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine