Lunedi' a Les 2 Alpes la prima di Rulfi

5

L'ex responsabile del 'dream team' con le slalomgigantiste

Dopo il raduno atletico di Lerici organizzato sapientemente da Ruggero Muzzarelli grazie alla Marina Militare e più precisamente al Comando Marittimo Nord, le slalomgigantiste sono pronte ad iniziare la stagione sulla neve. Infatti lunedì Federica Brignone, Chiara Costazza, Nicole Agnelli, Manuela Moelgg, Irene Curtoni, Nadia Fanchini, Sofia Goggia e Marta Bassino (che arriverà qualche giorno dopo a causa degli esami scolastici di maturità) raggiungeranno le nevi francesi di Les 2 Alpes. Sulle nevi perenni dell’Isere la ‘prima volta’ con il team per il nuovo allenatore responsabile Gianluca Rulfi. Una nuova avventura per il coach cuneese che dopo nove anni con la squadra maschile di velocità, dove ha vinto se non tutto davvero tantissimo, si affaccia al Circo rosa. Reduce dai fasti grazie alle vittorie in Coppa del Mondo e alle medaglie iridate ed olimpichei con il mitico ‘dream team’ con Dominik Paris e Christof Innerhofer in prima linea, ecco la nuova scommessa con le azzurre dello slalomgigante, reduci dall’ultima esperienza con Livio Magoni, lasciato a casa come un fulmine a ciel sereno ad inizio aprile. Rulfi ha voglia di rimettersi in gioco, consapevole di avere un team competitivo.

PAROLA A RULFI – Sentiamolo il tecnico: «Ci sono atlete ambiziose e motivate, soprattutto ragazze che finalmente hanno risolto i problemi fisici che hanno creato negli ultimi inverni considerevoli rallentamenti. Il gruppo è di estremo valore, ho sicuramente delle aspettative alte in queste ragazze. C’è una bella miscela, fra atlete più mature e altre più giovani. Il materiale umano e tecnico c’è, ora tocca a noi allenatori ed atlete. Parto con rinnovato entusiasmo». E’ un Rulfi carico quello alla vigilia del primo raduno sulla neve con Brignone&compagne, un allenatore che ha vinto tanto e sa cosa significa primeggiare, stare davanti, lasciare il segno. Dopo un altro anno di crescita, le slalomgigantiste azzurre avranno adesso il compito di finalizzare, colpire, mettersi in mostra. Con Rulfi alla guida adesso, con uno che di vittorie se ne intende…
 

Articolo precedenteFenninger: ‘Non ne posso piu”
Articolo successivoSaltano le gare femminili di Garmisch?
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

5 COMMENTI

  1. La gestione di un atleta che sta esplodendo è sempre difficile sicuramente. Alludo ai giusti tempi per farlo partecipare a gare di specialità che non sia la sua senza bruciarlo,alla gestione psicologica,alla giusta e mirata preparazione atletica. Ma in questo caso parliamo del miglior talento dello sci italiano in questo momento,e di un allenatore responsabile che non è di certo inferiore a quello che ha lasciato il gruppo,per cui non credo ci sarano problemi e Marta darà a tutti grandissime soddisfazioni,sicuramente anche grazie alla gestione Rulfi