Livio Magoni: 'Da sabato voglio battaglia, in gara'

0

Il tecnico azzurro da Vail: 'Le più forti crescono, ma noi siamo pronti'

Ci siamo. Ancora due giorni e poi sarà di nuovo tempo di tornare in pista per il team di Livio Magoni, con il secondo gigante dopo Soelden (terza gara in assoluto della stagione femminile di Coppa del Mondo), previsto sabato nella serata italiana ad Aspen, in Colorado, Stati Uniti (prima manche ore 18, seconda ore 21). Le gigantiste azzurre proseguono gli allenamenti nonostante le copiose nevicate cadute in quella zona. Venti centimetri di neve puntuali ogni 24 ore negli ultimi quattro giorni. 

PAROLA A LIVIO MAGONI – «Il lavoro programmato è stato eseguito in condizioni ottimali – dice comunque il tecnico bergamasco – Domenica scorsa è stata una giornata di slalom per tutte, ancora una volta sul barrato "cattivo", davvero molto ripido e difficile. Abbiamo voluto mettere in difficoltà le ragazze per portarle al limite e poi lavorarci. E’ stato anche un test per vedere chi è mentalmente convinto e chi no. E’ stato un allenamento molto interessante, anche perché con noi c’erano le francesi e la Zuzulova». 

PROGRAMMA – «Lunedì riposo per tutte – prosegue nel racconto della settimana di lavoro azzurra Livio Magoni -, necessario, visto che si scia sempre sopra i 2.500 metri. Da martedì solo un turno al giorno, perché le atlete devono avere la possibilità di recuperare e non stancarsi troppo in vista delle gare. Nadia Fanchini si è spostata un po’ a Copper Mountain per allenarsi in velocità con la squadra di Ghezze, mentre Bassino e Brignone hanno effettuato un turno di gigante. Per tutte le altre ragazze (Costazza, Pardeller, Moelgg, Curtoni e Agnelli) lavoro in slalom. La bella notizia è che Nicole sta recuperando dall’infortunio alla mano. Ora riesce a fare slalom. Non è ancora al 100%, ma ad Aspen partirà». 

GARE – «Il programma di avvicinamento alle gare – spiega infine il fratello dell’olimpionica Paoletta Magoni – prevede per giovedì un turno di slalom per Costazza e Pardeller. Per le altre, solo trasferimento ad Aspen visto che venerdì è prevista la sciata in pista. Sabato e domenica voglio ‘battaglia’. Tutte le squadre si stanno allenando sotto la neve del Colorado, il rendimento delle atlete più forti, rispetto all’esordio di Soelden, è assolutamente in crescita. Prevedibile, ma noi siamo all’altezza della situazione e non abbiamo nessun timore».  

 

Articolo precedenteL'entusiasmo di Zenere e Hofer
Articolo successivoDavos, solo Cortella si fa spazio fra gli austriaci
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine