Legge Gelmini: Fisi e Coni al lavoro

16
514

Sabato il Consiglio Federale approver

Articolo precedenteTroppo lunghe le trasferte oltreoceano?
Articolo successivoE i test atletici?
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

16 COMMENTI

  1. E' chiaro che il problema esiste ma e' sempre esistito. Ora forse e' peggiorato. Certamente chi sceglie di fare sport a livello agonistico deve fare necessariamente dei "sacrifici" (credo che comunque chi lo fa non li percepisca come tali in quanto per affrontare tanti allenamenti la passione deve essere molta….). Ho grossi dubbi che si possa trovare una soluzione dove Scuola e mondo dello sport collaborino nell'interesse dello sviluppo completo dei ragazzi. Non e' mai successo e non vedo perche' ora debba essere diverso…. Purtroppo dobbiamo prendere atto ancora una volta di vivvere in Italia e questo come tanti altri problemi non sono mai stati risolti e chiss

  2. Concordo con Zano che un grande vantaggio sarebbero i Tutor. Mi sembra che tecnicamente la cosa sarebbe abbastanza semplice. Basterebbe che nei pomeriggi di presenza a scuola, ci fossero dei professori che fanno recuperare i programmi agli atleti. Tutto viene complicato da chi non sopporta chi f

  3. … mi ricordo che diversi anni fa mi trovai in un incontro della FISI dove c'era ancora COPPI e il problema studio era sempre lo stesso. Non bisogna inventarsi nulla … arriviamo per ultimi in Europa ad affrontare questo problema … il vantaggio