Le discesiste continuano il lavoro allo Stelvio

12
1016

Si fermeranno almeno fino a venerdi

Continua il lavoro delle discesiste azzurre di Coppa del Mondo sulle nevi perenni dello Stelvio, che anche oggi si cimenteranno fra le onde della pista Cristallo con gli sci da slalom e da gigante. Agli ordini dell’allenatore responsabile David Fill ecco Elena e Nadia Fanchini, Verena Stuffer, Johanna Schnarf, Daniela Merighetti, Enrica Cipriani e Francesca Marsaglia. Domani in pista anche Lisa Agerer. Le azzurre si fermeranno in ghiacciaio almeno fino a venerdì.

Articolo precedenteAtomic, lascia Huber?
Articolo successivoNeanche la grandine ferma la 'banda di Alby'
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

12 COMMENTI

  1. Sicuramente un po' di discriminazione c'e' pero'il motivo principale e'dato da questioni fisiche,in quanto tra zaino, oltre i 15 kg e mazzi di pali da oltre 30 kg c'e ' una difficoltà oggettiva che poi viene appianata dai colleghi maschi che anche per cavalleria si "sacrificano".in piu' c'e tutto il discorso psciologico: battutine,allusioni permalosita'femminile, problematiche amorose,invidie ecc.

  2. Drjekill, la motivazione che tu segnali è giustamente quella che noi tutti pensiamo … ma non vorrei che in realtà i maschi non scelgano delle donne adducendo questo motivo … senza in realtà nemmeno chiderglielo. Non c'è qualche ex Atleta o allenatrice o Istruttrice che possa arricchire questo argomento ? E' un problema di incapacità, mancanza disponibilità o discriminazione?

  3. Una allenatrice donna in tempi molto recenti la nostra Federazione l'ha avuta ed è Betti Biavaschi, atleta con un passato in Coppa del Mondo, allenatrice del Comitato Alpi centrali prima e della C femminile poi al fianco di Alberto Ghezze.
    A livello di sci club sono molte le allenatrici ma più si sale con le categorie più diminuisce la loro presenza. Credo che il problema non sia l'incapacità di insegnare qualche cosa a livello agonistico ma la difficoltà a gestire trasferte così impegnative con la presenza di una famiglia…le poche donne allenatrici che conosco infatti o sono single o non hanno figli…

  4. Enrico quello che dici rende ancora più forte e significativa la mia domanda … c'è qualcuno che sa dirmi perchè nello sci NON ci sono donne ad allenare ? Perchè il corpo insegnante italiano è costituito dal 60/70% di donne mentre nello Sci agonistico a livello di Squadre Nazionali, e non solo, la proporzione scende allo 0% ?