L'Alta Corte del Coni vuole vederci chiaro

3
410

Parte il procedimento sportivo. E le scelte Fisi ora saranno legittime?

Oggi si è riunita a Roma l’Alta Corte di Giustizia del Coni per discutere i ricorsi del Sai Roma. Un primo ricorso, presentato il 25 febbraio, è stato “dichiarato estinto per sopravvenuto difetto di interesse”, come scritto nel comunicato stampa del Coni. Cosa significa? Che questo primo ricorso, essendo stato riaperto, viene rivalutato dalla stessa procura federale Fisi, che in un primo momento invece aveva chiuso ogni argomentazione. Il secondo ricorso sulle irregolarità dell’assemblea federale che ha eletto Giovanni Morzenti invece era stato nuovamente formulato in data 18 marzo. L’Alta Corte del Coni ha deciso di disporre, sempre parafrasando il comunicato Coni, “l’espletamento di istruttoria”, ossia si apre un processo sportivo sulla questione. Adesso inoltre, anche i Consiglieri federali sono stati convocati a Roma per testimoniare sui fatti. Vedremo. Si dovrà aspettare  qualche settimana, almeno fino a dopo Pasqua. Tuttavia quello che per la Fisi sembrava un elemento da non essere preso  in considerazione, l’Alta Corte di Giustizia del Coni ha deciso di procedere. Si va avanti insomma, ma una domanda è d’obbligo? Le scelte sul futuro direttore tecnico, sugli allenatori e sulle squadre saranno scelte legittime visto che è aperto un procedimento sportivo? E se poi saltasse tutto?

3 COMMENTI

  1. ma presidente Morzenti, una domanda, visto che sono un tesserato FISI e lei mi rappresenta. Che cosa c'entra tutto questo con lo sport? Cosa c'entra con lo sci? Il lavoro in federazione è senza fine di lucro, dunque fatto per passione. Se lei è lì per passione e non mosso da altri fini, perché non si dimette e libera la federazione da tutte queste polemiche e discussioni, da tutto questo inutile veleno che fa solo il male del nostro sport? So che lei è un uomo d'affari e ha molte altre cose di cui occuparsi: se la federazione è diventata solo motivo di scontro, perché non lascia il posto a qualcun altro? Sarebbe bello ricevere una sua risposta. Franco Rossi – tesserato FISI

  2. Bravo al CONI che si stà dimostrando vigile… avevamo quasi disperato… dopotutto nell'italia delle Ruby e delle leggi fatte apposta per salvare il solito noto…. si poteva anche pensare al peggio!!!
    E adesso avanti tutta… fare chiarezza fino in fondo!!! La parte sana del movimento ne ha bisogno per andare avanti…