La replica del presidente Morzenti

10
137

'Guardate come erano i conti prima e quelli di adesso'

Ieri abbiamo cercato di spiegare cosa sta succedendo in casa Fisi e quali siano i perché di questa situazione che si è creata. Il presidente Morzenti, quando gli abbiamo parlato a Sölden, ha voluto ribadire che i tempi di questa ‘operazione’ sono sbagliati, che adesso è tempo di dedicarsi solo ad atleti e tecnici. Ma soprattutto ha voluto rivendicare il suo ruolo nell’accordo con il nuovo fornitore tecnico: massima trasparenza nelle trattative, un buon contratto portato a casa e soprattutto quello precedente risolto senza troppi oneri. Lì c’è stata la spaccatura, Morzenti si è fatto sentire, «ma mi arrabbio anche con mio figlio se fa qualche sbaglio».
Al capitolo situazione economica ha ribadito i passi avanti. «Se mi avessero detto davvero quali erano i conti, visto che loro c’erano anche prima, magari non mi sarei candidato». Poi ha puntato il dito su come le squadre si possano allenare in assoluta tranquillità, di come gli allenatori siano regolarmente pagati.
Sui diritti televisivi la posizione resta quella: la Fisi ha chiuso il contratto con Infront, i diritti sono della Fisi.

Vedremo adesso quali saranno le mosse all’interno del consiglio, nel prossimo consiglio federale, a noi piacerebbe parlare più di sci, piuttosto che di questioni ed equilibri politici.  

10 COMMENTI

  1. Stamattina mi è stata recapitata la rivista. Ad una rapida occhiata mi sembra un articolo ben fatto, con l'allegazione di alcune notizie immagino desunte dalla nota integrativa al bilancio.
    Un unico appunto alla redazione di SkiRace. Vi siete dimenticati di indicare il patrimonio netto della FISI. Considerato che lo stesso al 31/12/2008 dovrebbe risultare ancora negativo (utile 2008 Euro 1.412.000,00 mentre la perdita 2007 ammonta ad Euro -2.002.000,00, ovvero il patrimonio netto, senza considerare le altre perdite pregresse, dovrebbe ammontare ad Euro -590.000,00).
    questo dato rappresenta davvero la misura di quanto ancora debba tribolare la FISI per raggiungere l'auspicato risanamento di bilancio.
    Visto così il deciso miglioramento deriva dall'incremento di

  2. Caro sig presidente MORZENTI avra sicuramente sistemato i conti della federazione ma in quale maniera'??
    ma lo sapete che i ragazzi della squadra nazionale italiana SNOWBOARD freestyler si pagano tutto e ripeto tutto.
    cosi siamo buoni tutti..

  3. Ha pienamente ragione Luca che dice "A noi piacerebbe parlare più di sport che di politica", ma purtroppo "La bestia" è in ogni luogo, di lavoro o sportivo che sia. Non se ne può fare a meno ed è peggio della droga. Senza la politica non si va da nessuna parte e, molto probabilmente, Morzenti ha pestato i piedi a qualcuno che non doveva. Vorrei rispondere a Enrico che dice che il presidente non è una persona flessibile. Se lo fosse, forse con le squadre e il bilancio non saremo dove siamo e io dico che Morzent con il suo carattere, ha rimesso in piedi una Federazione sul baratro del fallimento. Non è Dio e qualche sbaglio certamente lo ha fatto, ma a soli tre mesi da Vancouver a mio avviso è un errore clamoroso sfiduciarlo. Per quanto riguarda la Valle d'Aosta, il consigliere Dante Berthod è caduto dalle nuvole quando ha appreso la notizia da queste pagine, che anche la Regione Autonoma è tra gli enti locali che vogliono destituire Morzenti. Molto probabilmente altri elementi valdostani che tramano nel buio, stanno organizzando questa specie di "golpe bianco". Bello schifo

  4. Dice bene l'articolo in fondo dove si vorrebbe parlare di sport prima di tutto.
    Ma c'è una premessa da fare:finchè CONI FISI etc.etc.sono a Roma,gli interessi sono dei burattinai alias papponi politici,che usano il loro ruolo x fare cassa (personale).
    Ahimè,non si salva nessuno.
    Morzenti probabilmente ha cercato di fare le cose seriamente,andando ad urtare gli interessi di qualcuno.