La Cima Uomo si tinge di verde

0
1331

Passo San Pellegrino Live – Oro Paris, argento Cortella, bronzo Varettoni

Cala il sipario sui tricolori Assoluti griffati Ski Team Fassa, un Campionato Italiano organizzato con efficienza ed entusiasmo. Intanto è andato in scena nell’ultima gara un trionfo di squadra sensazionale. Oggi i superG sulla pista ‘Cima Uomo’.

TRIPLETTA FORESTALE – Dalla nebbia infatti, calata dopo un timido sole al Passo San Pellegrino dopo il superG femminile, è spuntata una tripletta ‘verde’: dominio Forestale con il successo di Dominik Paris che in 1.19.62 precede di 32 centesimi Michele Cortella e di 37 Silvano Varettoni. Grande trionfo, in una superG che ha visto al via diversi sranieri come ad esempio Vincent Kriechmayr che ha chiuso quarto assoluto. Quarto italiano il finanziere Werner Heel, poi lo sloveno Bostjan Kline e gli austriaci Bernhard Graf e Johannes Kroell. Nono assoluto e quinto italiano il campione della discesa ossia il poliziotto Paolo Pangrazzi. Poi Siegmar Klotz dell’Esercito ed il finanziere Luca De Aliprandini. Quindi l’austriaco Mario Karelli e lo svizzero Gilles Roulin.

BATTILANI NEL GRAND PRIX – Quattordicesimo italiano ma primo Giovane e quindi vincitore del superG Grand Prix il FuturFisi dello sci club Aosta Henri Battilani. La classifica Grand Prix vede sul podio anche i FuturFisi Aaron Hofer, Fiamme Gialle, e Guglielmo Bosca, Esercito.

ORA I TRICOLORI GIOVANI DI VELOCITA’
– Adesso dal 10 aprile i Campionati Italiani Giovani di superG e discesa maschili e femminili a Santa Caterina Valfurva, gare ‘open’ in quanto valevoli come ultima tappa del circuito Grand Prix. Poi la stagione sarà davvero finita.

Articolo precedenteStuffer, ecco il primo oro
Articolo successivoStuffer e il primo oro tricolore
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...