Karoline Pichler: 'Tutto incredibile'

9

Ecco l'altoatesina, ancora prima in Coppa Europa: «Non so cosa dire…»

Prime due gare stagionali in Coppa Europa, subito due vittorie per Karoline Pichler, che già in Coppa del Mondo, anche a Soelden quest’anno, era andata vicina più volte alla qualifica per la seconda manche. Ma un inizio così brillante forse non se lo aspettava neppure lei…

SENZA PAROLE – «Non so cosa dire, incredibile – ci dice l’altoatesina -. Nella prima manche ho commesso un errore tattico, proprio sulla lunga che immetteva nel piano, e non ho sciato benissimo, complessivamente. Ero dietro di nove decimi, ma a tre dal podio. Nella seconda sono stata molto più determinata e ho ‘mollato’ tantissimo, pur non avendo sciato ancora al meglio, tecnicamente. Ma quanto meno ho preso bene il raccordo e sono riuscita a portare fuori tantissima velocità per il piano finale. Dopo la prima manche, volevo assolutamente il podio. Ho attaccato ed è andata bene».

NIENTE SLALOM – E dire che tutto questo è avvenuto con una mano che non è ancora a posto, per Karoline, dopo la botta rimediata a Soelden in allenamento. Motivo per cui Pichler adesso rientrerà a casa e non disputerà i due slalom di Coppa Europa previsti, sempre a Hemsedal, domani, mercoledì 3 dicembre, e dopodomani, giovedì 4.     

Articolo precedenteHemsedal, Pichler concede il bis
Articolo successivoVonn, e' il giorno del ritorno in pista a Lake Louise
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

9 COMMENTI

  1. Ma infatti, caro Cevedale, credo proprio che alla fine le faranno cercare il posto fisso in CE, con qualche gara in CdM, ma solo quando i due calendari non coincideranno. Per esempio, Semmering, a fine dicembre, è un'ottima chance. Solo, noi abbiamo 'smania' di vederle subito nel Circuito Maggiore…

  2. calma,calma,calma…..mancavano le atlete di secondo piano che erano in WC in America…..Gianmario se fai solo WC e non sei tra le prime trenta ti ritrovi come i nostri maschietti costretto ad andare a caccia di punti per una decente starting list…. Kristofersen l'anno scorso alternava WC a CE oltretutto le gare di gs sono ormai poche se ne sbaglia due parte col 60….. meglio il posto fisso il prossimo anno che ti permette di affrontare la prossima stagione con serenità e magari con 6.00 punti…… Comunque che bello poter scrivere e commentare questi risultati convinti che ci sia un roseo futuro per queste ragazze….

  3. Grande prestazione.Peccato non abbia monetizzato al massimo i punti,ma comunque con la prossima lista può partire in WC con il 40-41,pettorale che può permetterle con buona probabilità la qualifica per la seconda.Inoltre correre con la Bassino,dopo l'exploit dei Mondiali Junior,non può essere che uno stimolo positivo per entrambe.Quindi appena esce la lista nuova via anche lei in WC!

  4. Adesso sarà dura lasciarla fuori, oltretutto abbiamo dieci posti disponibili in gigante, tra le donne. Bisogna capire se vogliono farle conquistare il posto fisso attraverso la Coppa Europa. Io comunque sono della stessa idea e anzi rilancio: subito in Coppa del Mondo, ma senza tornare più indietro…

  5. Lo sò che lei ha già esordito in CdM,il mio è un discorso rivolto in orrizzontale,non in verticale.
    E quanto detto da Giabo amplifica quello che voglio dire,se poi và male una due tre volte non importa,quando sotto ce nè prima o poi…….

  6. Quando un/una atleta performa in questo modo deve diventare una "osservata speciale"da portare in qualche gara di CdM come wild card,subito, senza tanti se e ma!!!
    E la fisi(sempre rigorosamente in minuscolo)deve nominare un coordinatore dei reparti maschi femmine con il compito di osservatore anche dei circuiti minori.
    Ah certo,bisogna crederci in questo sport,dimenticavo.