Jole Galli: ‘Una stagione soddisfacente’

0

Parola alle ragazze della squadra ‘C’ – Concludiamo con la valtellinese

Con l’annata 2014-2015 abbondantemente conclusa, è tempo di bilanci anche per le ragazze della squadra ‘C’ di Cesare Pastore, Jasmine Fiorano, Jole Galli, Laura Pirovano, Martina Perruchon, Roberta Midali e Tatiana Nogler Kostner, per capire come valutano l’esperienza dell’annata 2014-2015 in Nazionale e le loro prestazioni durante il periodo di gara. 

GALLI – Dopo Laura PirovanoMartina Perruchon, Roberta Midali, Tatiana Nogler Kostner, fresca di ritiro, e Jasmine Fiorano, eccoci giunti all’ultima chiacchierata, con la valtellinese di Livigno Jole Galli classe ’95, reduce da un’ottima stagione in cui ha ottenuto i primi punti in Coppa Europa (cinque volte tra le prime trenta), con due top ten (miglior risultato, il 5° posto in superG di Hinterstoder), la prima convocazione ai Mondiali jr. (ad Hafjell ha gareggiato in tutte le specialità, concludendo sempre tra le prime 30, con l’11° posto in gigante come ‘best’) e il primo titolo italiano giovani (in gigante, ex aequo con Laura Pirovano, è stata invece sesta agli Assoluti senior di Tarvisio, nella stessa specialità). Insomma, c’è di che essere contenti… 

Jole, bilancio della stagione?

«Direi una stagione soddisfacente. Purtroppo anche l’estate passata non sono riuscita a lavorare atleticamente, per un problema al cuore e infatti l’annata non è partita affatto bene con la trasferta Norvegese che definirei drastica, il momento più brutto credo sia stato questo. Diciamo che l’inizio delle gare è la resa dei conti dell’estate: erano tutte cariche al massimo e io consapevole di non essere al top. È stato difficile, ma poi è andata in crescendo. In compenso ho passato tanti momenti belli, la svolta credo sia stata la seconda manche in gigante dei Mondiali JR., dove ho fatto il miglior tempo: mi ha dato davvero tanta fiducia. Sono contentissima anche di aver vinto i Campionati italiani giovani tra le porte larghe con la mia compagna di squadra: se avessi dovuto scegliere con chi vincere, avrei detto lei, Laura Pirovano. Da quando ci alleniamo insieme siamo sempre state vicine, quindi è giusto così!».

Intesa con staff e compagne, appunto?

«Con la mia squadra mi sono trovata davvero bene… Compagne stimolanti e allenatori giusti. La tranquillità di Pastore e la schiettezza di Simoncelli (mio skiman) sono state un bel binomio».

Ambizioni per il prossimo anno?

«Questa stagione mi ha fatto crescere a livello umano, ho capito che non ci si puó proprio risparmiare, su nessun fronte.. Solo attaccare, sempre. E penso che mi sia servita in vista della prossima annata, dove vorrei andare davvero bene in Coppa Europa. Pretendo tanto, forse troppo da me stessa, ma se guardo i risultati con un po’ di razionalità, dico che il 2014-2015 è stato un buon anno, anche agli Assoluti dove comunque mi aspettavo qualcosa di più..». 
                                                                                         

                                                                                                                                    (6 – Fine).

Articolo precedenteGross: ‘Il Messico e’ la cura migliore’
Articolo successivoLindsey Vonn e Tiger Woods: amore finito
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine