Jim Tracy se ne va

0
113

Lo storico responsabile del reparto femminile dello U.S. Ski Team lascia

Dopo due stagioni ricche di successi, 4 medaglie Olimpiche e ottimi risultati in Coppa del Mondo, Jim Tracy abbandona il gruppo femminile dello U.S. Ski Team. Tracy, allenatore delle discesiste statunitensi fra il 1996 ed il 2004, era tornato a far parte dello U.S. Ski Team con il ruolo di responsabile del settore femminile nel 2008. Un rapporto lungo più di 20 anni quello fra Tracy e lo U.S. Ski Team, infatti Tracy, prima di lavorare nel settore femminile, aveva trascorso 10 anni a fianco dei discesisti. «Due anni fa abbiamo deciso – spiega Luke Bodensteiner, vice presidente della U.S. Ski and Snowboard Association – di riprendere Jim con noi con l’obiettivo di una grande performance alle Olimpiadi di Vancouver. Adesso Jim lascia sapendo di aver raggiunto il suo scopo». «Lascio, ma mi porto dietro la consapevolezza di aver condiviso qualcosa di veramente speciale con il gruppo femminile in questi due anni. – racconta Tracy – Ho stretto grandi amicizie all’interno del gruppo e trascorso momenti indimenticabili, ora auguro il meglio a ciascuna delle mie atlete per il loro futuro». «Abbiamo lottato per raggiungere il massimo – continua Tracy – negli ultimi anni, la crisi economica generale ha creato non poche difficoltà, ma ha anche offerto opportunità a chi ha saputo coglierle. Noi abbiamo dimostrato di avere grandi capacità di recupero dai momenti negativi, di essere fortemente determinati e di riuscire a raggiungere i nostri traguardi». Tracy, cresciuto nelle fila del Mammoth ski racing, dopo aver lasciato la California, ha trascorso ben 24 anni della sua vita a Vail e proprio a Vail si è aggiudicato il titolo di discesa libera nel gruppo di età 25-35. Prima dell’ingresso nello U.S. Ski Team, Tracy era stato allenatore, dal 1976 al 1986, dello Ski Club Vail. Jim è fiducioso sul futuro dello U.S. Ski Team. «Il gruppo femminile è guidato da due atlete di grande calibro, Vonn e Mancuso, oltre che da Sarah Schleper – ha sottolineato – e le giovani leve, Alice McKennis, Megan McJames, Leanne Smith, Chelsea Marshall, sono molto promettenti».