Jessica Mazzocco lascia l’attivita’ agonistica

«Ci ho provato fino all'ultima gara. Divento Senior e i costi aumentano»

1

Un lungo post su Facebook fatto di spiegazioni e ringraziamenti. E un video che riassume brevemente la sua carriera. Jessica Mazzocco ha annunciato così il ritiro dall’attività agonistica. Una attività costellata da infortuni e cambi di rotta. «Con tristezza annuncio il mio ritiro dall’attività agonistica di questo meraviglioso sport – scrive sul social -. È stato un anno decisivo per me perché l’anno prossimo passo alla categoria Senior». Mazzocco era in squadra e nel Comitato Alpi Centrali, poi si è infortunata e quest’anno per ragioni di comodità aveva scelto di ripartire dal Comitato AOC e dal Sestriere. Ora diventerebbe Senior e la situazione cambierebbe molto. «Servirebbe quantomeno un aiuto dai gruppi sportivi coi quali ci si allena – prosegue -. Quest’anno purtroppo non sono riuscita a fare l’exploit, pur avendo dato il massimo. Sono lo stesso contenta, finalmente sono riuscita a fare quasi tutta la stagione senza infortuni. Sulla sua carriera dice: «ho provato fino all’ultimo, fino all’ultima gara, ho dato il meglio di me, sono orgogliosa di come sia andata la mia carriera, anche se avrei rinunciato volentieri a molti infortuni. È stato bellissimo ed emozionante poter essere arrivati in nazionale e indossare la maglia azzurra».

QUESTIONE DI COSTI
– Arrivati a questo punto diventa difficile continuare. Non sei in Comitato, non sei in squadra e neanche in un gruppo sportivo. «Mi spiace mollare ma purtroppo i costi sono troppo elevati».

IL FUTURO
– Mazzocco ora proseguirà il corso di formazione maestri e continuerà a studiare Scienze Motorie all’Università San Raffaele. Seguirà anche un corso specifico per diventare istruttrice di Nordic Walking.

RINGRAZIAMENTI
Jessica Mazzocco ha ringraziato tutti: famiglia, compagni di avventure, gli sci club e gli allenatori che l’hanno seguita, la squadra nazionale con tecnici, preparatori e skiman, i medici che in questi anni sono stati al suo fianco, i fisioterapisti, i Comitati Regionali e tutti i media che ne hanno raccontato i momenti belli e meno belli della sua carriera.

Un in bocca al lupo per il tuo futuro anche raceskimagazine.it.

1 COMMENTO

  1. … ma che paese è il nostro che abbandona i suoi giovani proprio nel momento del bisogno !!! Con 4 vitalizi dei nostri "onorevoli" si permetterebbe a 10/15 giovani di lottare per il proprio sogno … e qui mi fermo.