Jasmina Suter, tre mesi di stop

0

Frattura al piede destro per la svizzera, promessa del gigante

La Svizzera punta molto su di lei in ottica futura, soprattutto per lo slalom gigante, specialità nella quale ha vinto la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici giovanili di Innsbruck, nel 2012. Jasmina Suter, classe 1995, si è infortunata al piede destro domenica scorsa durante un allenamento proprio nella sua disciplina preferita, a Saas Fee, vicino a Zermatt. Dopo una serie di esami presso l’ospedale universitario Balgrist, il medico della federazione elvetica, Walter O. Frey ha diagnosticato la frattura del piede destro, oltre a varie contusioni. 

RECUPERO
– Tre mesi di stop per Jasmina, ma le conseguenze dell’incidente avrebbero potuto essere anche peggiori, e lei stessa ne è consapevole, vista la dinamica dell’incidente: «Sono stata fortunata – ha dichiarato -, sì, perché durante la caduta ho sentito un dolore forte e poi ho pensato: ‘Ecco, mi sono rotta tutto. Mi dispiace non poter essere al via a Solden, ci contavo, dopo essermi allenata bene d’estate. Ma ora devo pensare solo a guarire perfettamente, voglio recuperare in fretta la condizione che avevo raggiunto e tornare a gareggiare».

COPPA – Jasmina ha disputato sette slalom giganti in Coppa del Mondo, senza mai qualificarsi per la seconda manche, mentre in Coppa Europa vanta un podio, sempre tra le porte larghe, un 2° posto ottenuto a Sochi il 14 marzo 2013.   

 

Articolo precedenteLa nuova Borsotti: 'Fare bene, divertendosi'
Articolo successivoAssoluti a Tarvisio, Giovani a Pila
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine