Innerhofer, un podio di rabbia

1
953

Nonostante il terzo posto Inner è infuriato per la retrocessione di domani

Un podio che vuol dire tutto ed ha un grande valore. Un terzo posto di rabbia, per la ‘punizione’ di ieri, di testa, per quella forza che solo i campioni hanni di reagire sempre, e di classe sopraffina, per una sciata così efficace. E si, perchè quando è necessario fare le curve a 100 all’ora, sciare ad alte velocità, tirare lo spigolo, Christof Innerhofer è il numero uno. O quasi. Stelvio, Lauberhorn, Beards of Prey e adesso la Streif, podio su tutte le ‘classiche monumento’. Oggi Svindal ha vinto anche perchè sui piani è andato come un treno, ma ‘Inner’ prepara già per domani la rivincita.

IL CAMPIONE DEL MONDO NON CI STA  –  Eccolo Innerhofer: ‘Sono contento per questo terzo posto, oggi sono partito determinato più che mai. Ieri? Mah, incredibile. Hanno cambiato idea in pista’. Infatti ‘Inner’ dopo aver ricevuto da un commissario il ‘via libera’ è stato poi fermato dalla ‘bandiera gialla’ di Helmuth Schmalzl della FIS. Si è rialzato e poi fermato, ma troppo tardi per la giuria che domani lo farà partire con il 45 e lo ha anche multato. Intanto nel parterre sembra che l’iridato abbia attaccato la FIS per questa decisione durante un’intervista alla televisione tedesca. Aspettiamo comunque la conferenza stampa del dopo gara.

Articolo precedenteIn edicola il n. 123 di Race e Reparto Corse
Articolo successivo'Inner' guarda avanti
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

1 COMMENTO

  1. Speriamo non ci siano ulteriori penalizzazioni da parte dei permalosi soloni della FIS … PIU' PESO PER GLI ATLETI NELLO SCI DI ALTO LIVELLO E MENO BUROCRAZIA !!! La retrocessione di Inner domani è un danno per lo sport e per lo spettacolo; finchè non si capisce questo lo sci non può fare il salto di qualità nella considerazione del grande pubblico, degli sponsor, della tv ecc…