Innerhofer, miglior tempo sulla Stelvio

0
153

Christof ci crede: "Condizioni simili a due anni fa.."

Come sulla Saslong, miglior tempo anche sulla pista Stelvio. Christof Innerhofer stacca di gran lunga il miglior tempo sul pendio valtellinese. Il finanziere di Gais, vincitore qui nel dicembre 2008, precede di addirittura 75 centesimi l’austriaco Michael Walchhofer. A quasi un secondo in 3a piazza un altro austriaco, Klaus Kroell. A seguire Didier Cuche, Bode Miller e Hans Grugger. Peter Fill 8° a 2.73. "Distacchi pesanti, del resto la pista è dura, selettiva, ci sarà da divertirsi. Per noi le condizioni sono ottimali, bravo Inner…ma anche in Gardena era andato così forte in prova…", fa sapere il dt Claudio Ravetto che nonostante sia contento della prestazione del pusterese non si vuole sbilanciare: "Sono ancora qui a chiedermi come mai in gara in Gardena siamo stati gli unici ad aver alzato i tempi della prova..". Stefan Thanei 18° a 3.82, Dominik Paris 22° a 4.27, 27° Andy Plank 4.57, 29° Werner Heel a 5.13, Silvano Varettoni 30° a 5.25 e 31° Hagen Patscheider a 5.31. Più attardati Patrick Staudacher, Mattia Casse e Siegmar Klotz.  ‘Inner’ è soddisfatto ma vuole aspettare la prova di domani per un giudizio complessivo sulla sua condizione ed il feeling con il pendio: "Le condizioni sono simili a quelle di due anni fa. La neve è decisamente dura, la pista rugosa come sempre. La Carcentina? Sbatte, ma non è difficilissima. Il finale è sempre in ombra, non devi mollare fino alla fine". Matteo Marsaglia intanto è caduto nel finale ma senza conseguenze.

Articolo precedenteBormio, ci siamo
Articolo successivoWorley, tripletta gigante. Male le azzurre.
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...