Innerhofer: 'E pensare che volevo fermarmi…'

2
570

«Ho pensato di bloccare i punti, ho fatto bene a non mollare»

Insperato, quindi ancora più emozionante. Un podio che vale una vittoria, perchè alla vigilia, nonostante prove convincenti, non ci faceva certo affidamento su un risultato del genere. Invece Christof Innerhofer oggi ha stupito tutti, anche se stesso. Eccolo ‘Inner’, che subito ci racconta un retroscena: «Volevo fermarmi, bloccare i punti, lasciar perdere questa stagione. Avevo già parlato a lungo con Max Carca, del resto non mi sentivo bene e ad inizio gennaio nei primi allenamenti le cose non giravano per il verso giusto. Prima il trauma cranico, poi l’influenza che mi aveva nuovamente debilitato, iniziavo anche a perdere un po’ di fiducia. Poi abbiamo deciso di continuare, e sono venuto a Wengen con ritrovate motivazioni ma non certo in forma. In prova ho visto che potevo tornare competitivo, ma la gara è sempre la gara…Oggi sono stato davvero bravo, perchè la neve per oltre metà pendio era morbida. Ho sbagliato nella parte centrale, ma va bene lo stesso, sono sicuramente soddisfatto. non credevo proprio di essere già da podio e che podio…Essere nei primi tre a Wengen o Kitzbuehel vuol dire tanto, se non una medaglia poco ci manca!».

Articolo precedentePeak to Creek a quota 400
Articolo successivoWengen, Feuz domina ma Innerhofer e' sul podio
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

2 COMMENTI

  1. Bravissimo Christof,non avevamo dubbi . Dopo i malanni fisici arrivare sul podio è come una vittoria ( si diceva annata compromessa .. ma … stà risorgendo ) , compimenti a tutti gli azzurri. ( mi ripeto, ma meglio abbondare .. . hanno sempre tutto il nostro sostegno )