Innerhofer convince. E ora sotto con il gigante

0
111

Il punto della situazione con il DT azzurro Claudio Ravetto

Dopo il superG sulla Birds of Prey è l’ora del gigante. Gli azzurri correranno l’ultima gara della lunga trasferta nordamericana. Tutti in pista per riscattare la cocente delusione dell’opening di Soelden. Attesi Max Blardone, Manfred Moelgg, ma anche il resto della compagine azzurra deve dimostrare di aver recuperato una buona condizione. Nel gigante del Colorado ci sarà anche Christof Innehofer. Il finanziere pusterese è reduce da un brillante quarto posto. Il direttore tecnico Claudio Ravetto è soddisfatto della trasferta di Inner. "In discesa a Lake Louise è stato con i primi, ottimo sesto. La gara più bella il superG sulla Birds of Prey. Peccato perchè il podio era a portata di mano, ma ci si è messo di mezzo Walchhofer. Tuttavia devo fare i complimenti a Innerhofer, ha reagito bene su una pista tecnica. Gli altri sono stati fregati da una tracciatura perfida, e solo Fill ha un distacco ridotto anche se chiude fuori dai top ten. Non benissimo nel complesso come squadra, ma meglio della discesa. Ora aspettiamo il gigante".

Articolo precedenteSvindal, altra lezione
Articolo successivo'Voglio vincere ancora'
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...