Il timbro di Nina Loeseth nel secondo gigante di Andalo

0
424

Sul podio Bertrand e Brem, la vincitrice di ieri. Nona Elena Curtoni

La norvegese Nina Loeseth si è imposta nel secondo gigante di Coppa Europa disputato sulle nevi trentine di Andalo/Paganella. La scandinava è stata più veloce di 9 centesimi rispetto alla francese Marion Bertrand. Terza posto per la vincitrice di ieri, l’austriaca Eva-Maria Brem. Poi la svedese Sara Hector, l’austriaca Raiona Siebenhfofer e le francesi Anne-Sophie Barthet e Coralie Frasse-Sombet.

ELENA CURTONI E’ LA MIGLIORE AZZURRA – L’austriaca Rosina Schneeberger è ottava, nona la prima azzurra che è Elena Curtoni. Ventunesima Lisa Agerer, trentesima Karoline Pichler. Trentottesima la FuturFisi Lisa Pfeifer, quarantesima la poliziotta Carmen Geyr che è arrivata davanti a Michela Borgis. Quarantasettesima la FuturFisi Ida Giardini. Out la prima manche Marta Benzoni, Alessia Medetti, la FuturFisi Valentina Cillara Rossi, Miriam Rasom del Comitato Tentino e Roberta Melesi delle Alpi Centrali. Out nella seconda invece Janina Schenk, Michela Azzola la migliore azzurra ieri con il quattordicesimo tempo e la FuturFisi Roberta Midali.

IL BILANCIO DI GHEZZE: – La parola al responsabile del gruppo Coppa Europa: «Peccato per Michela Azzola perchè era nelle trenta la prima poi però uscita a causa di un’internata. Lisa fa fatica, non si capisce bene. Probabilmente è una combinazione di cose, dal materiale nuovo fino ad una questione di fiducia, motivazionale insomma. Tuttavia quest’anno non è si è allenata con il gruppo Coppa Europa, dico solo la mia opinione. Discreta Karoline Pichler, trentesima con il 58».

Articolo precedenteLa Molina, race cancelled
Articolo successivoTrofeo Topolino: ecco la 'Nazionale' italiana
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...