Il ritorno di Sarah Schleper

La slalomista americana ritorna sfruttando un'altra nazionalità. Obiettivo i Mondiali di Vail, praticamente in casa

0

Cerchera’ di partecipare ai Mondiali di Vail con i colori del Messico

Sarah Schleper, a 35 anni da poco compiuti, rimette gli sci ai piedi e gareggerà per… il Messico! Sì, proprio lei, la mamma-slalomista capace di vincere una gara in Coppa del Mondo e poi di tornare dopo la maternità, atleta estremamente simpatica, molto amica della nostra Denise Karbon, riabbraccia quell’agonismo che in realtà non ha mai lasciato completamente, perché vuole essere al via ai Mondiali di Vail 2015, in Colorado, stato che le ha dato i natali, essendo di Glenwood Springs.

L’ANNUNCIO – A dare la notizia dell’impensabile ritorno è stata la stessa sciatrice americana, che si era ritirata il  29 dicembre 2011 durante lo slalom di Lienz, sui social network: «Sono orgogliosa di annunciare – ha scritto in spagnolo e inglese sulla sua pagina di Facebook – che ho ricevuto la cittadinanza messicana. Vorrei tornare a gareggiare nella prossima stagione per poter poi competere ai Mondiali di Vail 2015. Il Presidente della Repubblica Messicana, Sr. Enrique Peña Nieto, mi ha consegnato direttamente la lettera di Cittadinanza. Una volta di più mi sento orgogliosa ed emozionata di far parte di questa bella Nazione».

MARITO MESSICANO – Sarah, classe ’79, sposata con il messicano Federico Gaxiola de la Lama, mamma di Lasse, famosa anche per il suo “urlo” leonino con il quale si “caricava” prima di ogni slalom al cancelletto di partenza, in Coppa del Mondo può vantare una vittoria e 4 podi in totale, oltre  a 11 partecipazioni tra Mondiali e Olimpiadi, senza medaglie, ma con piazzamenti nei dieci. E’ stata argento iridato jr in slalom nel 1997.

A questo link il video della cerimonia di naturalizzazione messicana

Articolo precedenteC donne quasi fatta: dentro Pirovano e Galli
Articolo successivoEcco i sette azzurrini di Ivan Nicco
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine