Il nuovo logo delle Olimpiadi coreane

0

Presentato nella 'IOC session' di Buenos Aires

A Buenos Aires, nella ‘IOC session’ non c’è stata solo l’assegnazione a Tokyo dei Giochi Olimpici del 2020. C’è stata la vittoria del wrestling (su baseball e squash) per entrare come ‘additional sport’ già per il 2020 in Giappone e poi nel 2024. E c’è stata anche la presentazione da parte del presidente del comitato organizzatore di Sochi 2014, Dmitry Chernyshenko, del programma di avvicinamento alle Olimpiadi invernali a meno di cinque mesi dal via. «Un intenso programma di test-event di quasi 70 gare – ha spiegato il ‘Coordination Commission Chairman’, Jean-Claude Killy – voluto da Sochi 2014 e dal Ministero dello Sport russo, è servito per perfezionare l’organizzazione, ma ha anche confermato la qualità dei ‘siti’ di gara». Presente anche la delegazione di PyeongChang 2018: il presidente Jinsun Kim ha presentato il nuovo logo della prima Olimpiade invernale in Corea del Sud.

Articolo precedenteStudiare da Carabinieri
Articolo successivoGufler e Ploner vanno avanti
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...