Il grido di battaglia di Ravetto: 'Vinceremo'

0
448

Campiglio Live – «Ripido e traccia Kostelic, sono elementi da sfruttare»»

Il giorno più lungo, attesa snervante. Pensieri e parole, pronostici e dichiarazioni. Il direttore tecnico Claudio Ravetto appare più determinato del solito. 



GRANDE SQUADRA – «Questa è una grande squadra, Atleti fortissimi, uno staff eccezionale guidato da un uomo con capacità tecniche significative e personalità, Theolier. Sono fiducioso, possiamo far bene, molto bene. Anche vincere. Negli slalom precedenti abbiamo avuto un pò di sfortuna, ora è arrivato il momento di raccogliere quanto seminato durante la preparazione».

‘NON TEMEREMO LA TRACCIATURA ARITMICA DI ANTE’ – Il tecnico bielllese ci crede. La squadra c’è, scia alla grande, nonostante siamo mancati alcuni risultati vuoi in Lapponia, vuo in Val d’Isere. «La pista è idonea alle nostre caratteristiche Un grande muro, gara sui 45 secondi, non certo una manche lunga. Traccerà il croato Ante Kostelic. I suoi trabocchetti? Non ci fano paura, anche Jacques spesso traccia aritmico e con figure. Siamo pronti». 



GIORGIONE – Nel 2005 l’ultimo appuntamento sul Canalone Miramonti. Che ricordi per Ravetto. «Già vinse Giorgio Rocca, mi ricordo come fosse oggi. Una stagione fantastica, coronata con la Coppa del Mondo di slalom». E’ vero, grande annata. Poi ‘Claudione’ ci scherza su quel periodo, quais per smorzare la tensione di queste ore…: «Per Rocca l’unica vittoria italiana, peccato che non si era poi ripetuto a Torino…». Si guarda al presente, con la sicurezza di guidare una squadra molto forte: «Prima o poi la vittoria deve arrivare…», chiude il coach di Strona.