Il condottiero Theolier e l'obiettivo olimpico

2

Dopo Vancouver il tecnico francese vuole anche Sochi

E’ pronta a partitre la stagione agonistica 2013-2014, quella ‘a cinque cerchi’. Per dirla con il dt Claudio Ravetto, «Theolier dal punto di vista sportivo ha una monoidea, ovvero ha nei Giochi di Sochi l’obiettivo principale. Giusto così. Nell’oro di Giuliano Razzoli in Canada quattro anni fa c’è tanto di Theolier, della sua determinazione, del suo saper trasmettere agli atleti serenità e concretezza». Monoidea appunto.

HINTERTUX – Primo giorno intanto in programma per gli slalomgigantisti a Hintertux. Dopo il raduno di Saas Fee la squadra di Jacques Theolier torna a sciare sulle nevi perenni della Zillertal. Fra meno di un mese parte la stagione agonistica con l’opening di Soelden.

OBIETTIVO SOCHI – Ecco proprio il tecnico francese: «Fra tre settimane si parte. Come sempre il primo appuntamento sarà interlocutorio, che non vuol dire che non ci stiamo preparando bene. Questa sarà un anno agonistico fondamentale, ci sono le Olimpiadi in Russia, manifestazione che abbiamo già vinto quattro anni fa. Inizia la Coppa del Mondo, ma i Giochi sono l’appuntamento primario della stagione, e ogni cosa che facciamo da adesso deve andare in quella direzione. E’ vero, saranno gare di un giorno, ma non dobbiamo nasconderci che sono di gran lunga le più importanti».

Articolo precedenteDaniel Albrecht si ritira
Articolo successivoAnche le slalomgigantiste a Hintertux
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

2 COMMENTI

  1. Beh in realtà di atleti bravi ne abbiamo eccome. Non abbiamo i due extraterrestri che hanno Austria e Stati Uniti ma per esempio in Slalom il nostro contingente di coppa del mondo è di tutto rispetto.
    Di giovani validi sia in Slalom e Gigante ne abbiamo (senza fare nomi) quindi speriamo che succeda qualcosa tipo quello che successe "qualche" anno fa sulla montagnetta di San Siro. Che uno della B faccia notizia per poi vincere una medaglia olimpica… Sono sogni lo so… Ma non si sa mai.

  2. Obiettivo Sochi? Più che una scelta è una necessita non avendo nelle discipline tecniche alcun atleta in lizza per una coppa di specialità. Si spera nella giornata perfetta in cui tutto va bene e agli altri va tutto male.
    Sarà comunque interessante vedere come saranno sfruttati gli 11 o 12 posti del contingente olimpico (maschile e femminile)