I dubbi e le speranze di Innerhofer

0

Il velocista azzurro è volato in Cile

Christof Innerhofer ha raggiunto i compagni in Cile. Per due settimane il pusterese di Gais si allenerà a Thermas de Chillan. 

DUBBI – Inner ha comunque dei dubbi. «Parto per il Cile, prima non potevo certo raggiungere i miei compagni a Ushuaia. D’altronde la schiena mi faceva davvero male, ho fatto la spola fra Monaco per le cure ed il ghiacciaio di Zermatt, dove ho eseguito diversi allenamenti in compagnia del coach Aberto Ghidoni e Alex Kalamar, il mio skiman Rossignol. Spero di trovarmi bene, di sfruttare al meglio questa trasferta sudamericana, ma un po’ di punti di di domanda rimangono. Mi sono allenato quindici giorni da giugno ad oggi, fra Col de l’Iseran e Zermatt, non molto. Staremo a vedere». 

SPERANZE – Christof, che l’anno scorso ha vinto le libere di Coppa del Mondo a Beaver Creek, Wengen e Garmisch, smania dalla voglia di allenarsi al meglio. «So che non mi basta tanto per tornar ad essere competitivo, le mie paure oggi riguardano solo la condizione fisica. Ho un forte desiderio di confrontarmi con i miei compagni. La mia squadra è competitiva, solida. Nonostante alcune incertezze palesi sono fiducioso ed ottimista sul lavoro che posso svolgere. Mi aspetto molto dal Cile, questo è l’anno olimpico, una stagione davvero fondamentale».