Hirscher domina sulla Collina di Sljeme. Quarto Gross

0
879

L'austriaco in testa anche nella 'overall'. Settimo Moelgg, decimo Thaler

Fantastico Marcel Hirscher. L’austriaco vince lo slalom di Zagabria e balza in vetta alla Coppa del Mondo generale. Sul podio con il ‘furetto austriaco’ c’è lo svedese Andre Myhrer che recupera tre posizioni e si ferma a 57 centesimi da Hirscher. Poi l’austriaco Mario Matt a 1.09.

OTTIMO GROSS – Quarto a sei centesimi dal podio Stefano Gross: per ‘Sabo’, che era terzo dopo la prima frazione, un risultato importantissimo. Veniva da tre gare balorde e sfortunate, adesso eccolo ancora fra i big e protagonista su una neve marcia e su un pendio non ripido, caratteristiche insomma non idonee al fassano di Pozza. Davvero bravo. Lo svedese Jens Byggmark, in testa dopo la prima manche, sbaglia a ripetizione e quasi deraglia: chiuderà ventiseiesimo. Quinto il tedesco Felix Neureuther, sesto il francese Alexis Pinturault

REGOLARITA’ MOELGG, RECUPERO THALER – Sempre fra i ‘primi della classe’ anche Manfred Moelgg che chiude settimo, sempre regolare ad alto livello il ladino. Quindi davvero un bel recupero di Patrick Thaler: l’altoatesino della Val Sarentino, diciannovesimo dopo la prima frazione, stacca il decimo tempo finale. Sui piani il ‘nuovo Thali’ è proprio migliorato. Un errore ferma la risalita di Cristian Deville che chiude quattordicesimo. Riccardo Tonetti era uscito nella prima manche, nonostante un ottimo primo tratto. Il giovane esordiente Giordano Ronci non si era qualificato. L’olimpionico Giuliano Razzoli si era fermato a causa di una fitta lancinante alla schiena.

 

Articolo precedenteZagabria, ecco gli highlight
Articolo successivoRonci, entusiasmo dopo l'esordio
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...