Grande Austria sul Lauberhorn

2
70

Vince Manfred Pranger

Nelle tappe classiche di gigante e slalom l’Austria si conferma la nazione padrona. Dopo aver dominato Adelboden, ecco uno strepitoso successo sulla Mannlichen/Jungfrau di Wengen. Vince Manfred Pranger: nono podio e terza vittoria per il tirolese, che precede il compagno di squadra Rienfried Herbst. Sul podio il croato Ivica Kostelic, che spezza il filotto austriaco, infatti quarto il giovane Marcel Hirscher e quinto Benjamin Raich. Una vittoria schiacciante insomma quella dello squadrone biancorosso. Una gara strana. Il duro della prima manche, ha lasciato spazio ad un manto sicuramente più morbido e per gli ultimi quindici quasi gessato a causa della pioggia che si è sostituita alla neve. Tuttavia Pranger è riuscito a tenere la testa della classifica, anche se i migliori tempi della seconda sessione arrivano da dietro. Mattia Hargin chiude settimo ed è il più veloce nella seconda e anche Giorgio Rocca è autore di un gran recupero: dalla ventinovesima piazza chiude decimo con il quarto tempo parziale. Manfred Moelgg, sesto dopo la prima, pasticcia e termina solo ventunesimo. Giuliano Razzoli invece ha inforcato nel finale della prima. Aveva chiuso nono e solo prima della ricognizione della seconda hanno comunicato via radio ai coach azzurri della squalifica dello slalomista reggiano, comunque quello che sta sciando meglio in una squadra che sembra un affanno dopo le gare di Alta Badia e Zababria. Cristian Deville termina undicesimo. Patrick Thaler, influenzato, non termina la prima e Peter Fill non si qualifica.

Articolo precedenteA Wengen c'è lo slalom
Articolo successivoInnerhofer e Fanchini guidano il Gran Premio Pool
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

2 COMMENTI