Gli impiantisti bormini non vogliono piu' la Coppa

13

Ma quando finirà la telenovela della libera sulla Stelvio?

La telenovela continua. Ma Bormio si fa o no? La libera sulla Stelvio in programma il 29 dicembre salterà definitivamente o, come sempre, si troverà un accordo in extremis? FISI e FIS premono affinchè BEST (Comitato Organizzatore) e SIB (Impiantisti) possano alla fine trovare un accordo. La libera bormina rimane una ‘perla’ del calendario del Circo bianco, bramata da tifosi, atleti, tecnici e opinione pubblica.

IL NO DEGLI IMPIANTI – Tuttavia sembra che la SIB non voglia sapere di dare il pendio nel periodo natalizio e in una nota ufficiale afferma: «E’ con rammarico che si constata come FISI non abbia tenuto in alcun modo conto della disponibilità della società per date diverse dal periodo natalizio e come non si siano volute affrontare la problematiche dei costi connessi all’organizzazione dell’evento.
Non resta pertanto che confermare la rinuncia della società ad ospitare l’evento nelle date e con le modalità prospettate da FISI ribadendo ancora una volta la propria disponibilità per periodi alternativi a quello natalizio». Sarà, si vedrà, aspettiamo Zurigo. Una cosa è certa: se continuano così i bormini la Coppa del Mondo la perderanno veramente…

13 COMMENTI

  1. Pescamare non confondere lo spirito imprenditoriale con la buona organizzazione della gara i Bormini sono bravissimi in questo l'evento si è fatto anche quando non c'era neve, organizzazione impeccabile entusiasmo anche per i campionati italiani o il recupero del gigante qualche anno fa. il problema che tutte questa energia e efficienza non si traduce in beneficio economico, neanche in 5 giorni in più di sold uot. Forse è meglio fare in modo che l'alta valtellina sia raggiungibile da Milano e Bergamo (aereoporti) in 2 ore 1/2 o forse fare il mitico collegamento con Santa e Tonale.
    Forse è proprio questo che dicono gli "impiantisti" dopo 25 anni di Mondiali e CDM sarebbe il caso che le energie vadano spese per qualcosa di strutturale.

  2. Ma che fisi !?! Bormio si è organizzata con interventi che avrebbero potuto limitare l'impatto della manifestazione ? Che rimane una vetrina impagabile per una località che vuole dirsi turistica.
    Esempio… tunnel che permettano di incrociare la pista o tratti di collegamento che riducano la chiusura della stazione, taglio di nuove piste con autorizzazioni date ad hoc data la consuetudine/attitudine all'organizzazione di manifestazioni importanti….. insomma "fare impresa" !!! non pensare a vendere l'hotel nei 5 giorni della gara! …un po' poco come spirito imprenditoriale…..

  3. Assolutammente d'accordo con Zano.
    Aggiungo, bisognerebbe imparare un po' di 'cultura' dei fatti: che beneficio concreto ha Bormio con la libera il 29 dicembre e che beneficio ha a non averla il 29 dicembre, ma magari in una data di 'bassa stagione', o non averla affatto.
    Sapete cosa significa allestire una pista da libera? Quanti giorni prima la devi chiudere per le prove, la preparazione, e per quanti resta molto difficile da sciare, (a bormio a natale non ci sono solo atleti, o presunti tali).
    Per contro: che Interesse di pubblico muove? E nel caso chi intasca gli introiti? Negli anni l'interesse è andato scemando, il mix di visitatori natalizi, pure, con un largo incremento di russi, polacchi, cechi, molto poco interessati alla gara di coppa, che a conti fatti costa alla comunitä bormina molto di piu' di quanto incassa.
    Fatta in fine premessa, che dal punto di vista tecnico, la libera di Bormio non è certo tra le piu' complicate del circuito, anzi (provate st. Anton per esempio), forse e' tra le piu' facili, resta invece l'ottima capacitä organizzativa che Bormio ha sempre dimostrato. Ad esempio, come non ricordare che l'altr'anno vennero organizzati gli italiani assoluti di sl in men che non si dica, sulla stessa Stelvio. Questo, secondo me, è il vero problema: perdere Bormio, perchè non si riesca a trovare un altra data, è assurdo. E la responsabilità, almeno in parte, è di quello che un tempo fu una federazione rispettata e funzionante, e che oggi invece….scusate, ma la FISI di oggi non è paragonabile alla FISI degli anni 80. W Bormio, con o senza libera.

  4. non avevo partecipato a questa discussione perchè è molto facile dire che i Bormini sbagliano ( perdita di immagine, prestigio, …) ma se voi foste il proprietario di un Hotel di Bormio, affittereste una camera per 2-3gg sotto le feste ( Natale Capodanno ) nell'unico periodo dell'anno in cui si può affittare 15gg ? La promozione funziona quando in un periodo morto PROMUOVI una località per farla lavorare di più e incrementare gli incassi ma non quando la promozione fa perdere soldi e ti castra proprio nel periodo top… e chissà perchè nello stesso periodo la Svizzera, Francia e Austria non la vogliono.

  5. gli alberghi in quel periodo sono pieni a prescindere dalla coppa, anzi si potrebbe sfruttare altri periodi di stanca per riempirli di atleti giornalisti e forse di tifosi. provate a chiedere due o tre notti in quel periodo in un albergo!!! lo trovi a Morbegno.
    Ma dei supporter non interessa a nessuno tanto c'è la TV.

  6. La cosa sconcertante, e' che non si sia ancora presa una decisione. Solo colpa degli impiantisti? No, anche la FISI stessa, che da tempo conosce la sotuazione, avrebbe potuto fare qualcosa, e ben prima di fine settembre.
    Ma la federazione non e' piu' quella dei tempi del Gattai, dunque ampnche questo non stupisce.
    Comprendo gli impiantisti, e i turisti, tanti soprattutto sotto Natale, che si vedono privati per intero di una dorsale, e non solo di una pista.
    Chiudere la stelvio, per piu' giorni, compromette gran parte del comprensorio di Bormio, chi ci ha sciato lo sa bene.
    E poi, siamo cosi sicuri che il ritorno economico per la citta' di Bormio sia lo stesso di qualche anno fa? Chi vive Bormio, lo sa bene: la libera non tira piu' come una volta, il pubblico e' diminuito, dati alla mano, e i costi per organizzare l'evento sono sempre piu' elevati.
    Provate a chiedere al Trentino di bloccare la sasslong sotto Natale….con relativo rischio di chiudere il sella ronda verso la badia.
    La vera questione e': possibile che la FIS non abbia mai voluto trovare un compromesso per salvare Bormio?
    Possibile che la FISI non abbia mai mosso un dito?
    Io non sono un impiantista, ma direi che si puo' fare uno sforzo per comprenderli.

  7. Alternare con la Gardena e mantenere entrambe le date in calendario per non perdere l`appuntamento di fine anno. Sarei curioso di vedere se la Gardena organizzasse la competizione il 29 dicembre anche solo una sola volta…

  8. Ma a parte il lustro, una località che sa guardare un po' oltre è in grado di capire che anche organizzare bene un evento del genere porta gente e denaro; e tutto questo compensa ampiamente lo stare senza pista per qualche giorno, anche se in un periodo di punta; soprattutto in questo periodo duro bisogna dare da lavorare a chi ne ha voglia, fregandosene delle tradizioni.

  9. A tirare la corda troppo a volte si spezza…….
    E' del resto comprensibile che, privare una località turistica di una pista nel periodo clou della stagione sia cosa poco gradita,come è anche vera la pochezza mentale di tutti gli impiantisti(non solo di Bormio) che non sanno dare nessun'altra interpretazione se non quella meramente commerciale.Ad un evento internazionale che dà comunque lustro a tutta la nazione bisognerebbe soprassiedere,o no?

  10. In Italia piacciono molto le telenovele a quanto pare…eppure è così semplice…Bormio non vuole la WC nel periodo di Natale? Bene, Bormio non avrà più la WC, in qualsiasi periodo, e subentrerà un'altra località altrettanto bella ed ansiosa di organizzare un evento simile, anche nel periodo natalizio!!!
    Troppo facile forse?!