Gisin, Sterz, Stechert e Marchand-Arvier si ritirano

0

Rolland e Ruiz Castillo avevano già salutato. Cosa faranno Hosp e Maze?

Tempo di Finali, a Meribel, tempo anche di addii, celebrazioni, saluti, lacrime, rimpianti e sollievi. Come sempre. Dopo Rolland e Ruiz Castillo, ecco gli annunci di Dominique Gisin, Regina Mader Sterz, Gina Stechert e Marie Jay Marchand-Arvier, che appendono tutti gli sci al chiodo. 

CARRIERE – Di queste quattro atlete, la più vincente è stata sicuramente Dominique Gisin, 29 anni, da Engelberg, Svizzera, la patria del salto, mille infortuni alle spalle, dai quali è sempre tornata, ma anche 3 vittorie in Coppa del Mondo, due in discesa e una in superG, con sette podi totali e soprattutto l’oro olimpico in libera a Sochi 2014, ex aequo con Tina Maze. Lascia una ragazza simpaticissima, intelligente, dai mille interessi, molto amata da tutte le colleghe. Per dirna una, come potete vedere in foto, ha il patentino per guidare aerei di piccola taglia… Gina Stechert, sfortunatissima tedesca, 27 anni, martoriata dagli infortuni alle ginocchia, si ritira dopo aver vinto una discesa in Coppa del Mondo, a Tarvisio, davanti a Lindsey Vonn. Regina Sterz Mader lascia con tre quinti posti come risultati più importanti nel circuito, mentre Marie Marchand-Arvier, l’estate scorsa convolata a nozze con il biathleta Vincent Jay, si ritira con 4 podi in Coppa del Mondo e l’argento iridato in superG a Val d’Isere 2009.

Buona vita a tutte! Resta da capire cosa faranno Tina Maze, che aveva parlato di anno sabbatico per la stagione 2015-2016, e Nicole Hosp, reduce da un inverno meraviglioso che, stando alle sue parole della scorsa estate, sarebbe dovuto anche essere l’ultimo sugli sci in Coppa. Si attendono news… 

Articolo precedenteA Cook il superG, a Jansrud la Coppa con Paris secondo
Articolo successivoMeribel, Team Event alla Svizzera. Italia quarta
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine