Garmisch-Partenkirchen, sospiro di sollievo

Le gare femminili si faranno, trovato il compromesso con la FIS

0

I costi sono sempre più elevati e anche località storiche come Garmisch-Partenkirchen fanno fatica a organizzare gare di Coppa del Mondo sia al maschile che al femminile. La nuova regolata varata dalla FIS al meeting di Varna, con montepremi minimo per ogni singola tappa portato da 100.000 a 120.000 franchi svizzeri, aveva fatto ‘tremare’ la località della Baviera. Le gare femminili, infatti (per quelle maschili non ci sono problemi) previste il prossimo 6-7 febbraio, una discesa e un superG, sarebbero state a rischio per gli elevati costi a carico del Comitato Organizzatore, troppi a questo punto secondo il responsabile Peter Fischer, tenendo conto anche del cambio Franco-Euro.

COMPROMESSO – Ma la FIS è venuta incontro a Garmisch, secondo quanto riporta ancora skionline.ch: la Federazione ha accettato un compromesso, che prevede un tetto di 110.000 Franchi svizzeri a gara per la stagione 2015-2016. La località tedesca si impegnerà però a raggiungere quota 120.000 dalla stagione successiva, ovvero 2016-2017. «Tutto ciò ci permette di respirare un po’ – ha ammesso proprio Fischer -.». In futuro non saranno solo i primi 10 classificati  al termine di ogni singola prova a beneficiare dei premi: la FIS vuole allargare il campo fino al 30esimo arrivato.           v

//

Kayaking down a slope anyone? Posted by Extreme on Venerdì 5 giugno 2015

Articolo precedenteVelociste, da lunedi’ ritiro atletico al Sestriere
Articolo successivoNani, atletica ‘a tutta’ aspettando Zermatt
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine