Elena Fanchini: 'Una vittoria per tutta l'Italia'

0

La bresciana di Montecampione: «Ci credevo, un sogno dopo 9 anni»

Un’ora e mezza per fare il giro della ‘zona mista’, al parterre dell’Olympia delle Tofane‘. La vogiono tutte le televisioni e tutti i media, com’è giusto che sia, soprattutto dopo un trionfo che va a bissare quelle ottenuto ben nove anni fa. Particolare, insomma. Elena Fanchini è sorridente e disponibile, ha una parola per ciascun giornalista: «Negli ultimi giorni mi sentivo bene – ci dice -. Ero in crescita, lo sapevo. Oggi sono riuscita a rimanere concentrata dall’inizio alla fine, in partenza ci credevo, è andata bene. Una vittoria per tutta l’Italia e anche per lo sci alpino femminile, ne avevamo tanto bisogno, tutte». 

STORIA – «Dopo 9 anni, per me è un successo molto significativo – continua Elena -. Un sogno. Un regalo. Nadia? E’ stata bravissima, soprattutto con un numero così alto. Il suo 15° posto è un grande risultato. Pista ottima, preparata benissimo per quel che è stato possibile. Avendo accorciato la partenza, ogni metro era fondamentale, oggi. A Bad Kleinkirchheim ho iniziato a sentire finalmente fiducia, in discesa, settimana scorsa nelle prove. Perché, nonostante nel 2013-2014 avessi iniziato bene, con due podi e un quintp posto nelle prime tre gare della stagione, poi sono caduta tante volte, prima delle Olimpiadi, e mi sono fatta male anche a fine marzo: sono stata ferma tre mesi, d’estate. Per questo ho iniziato in ritardo la preparazione ed ero sicuramente indietro, a inizio stagione. Ma pian piano sono cresciuta e soprattutto ho ritrovato fiducia. Non è mai facile tornare da infortuni e cadute».        

 
 

Articolo precedenteMadesimo, nel GPI doppietta di Giulia Lorini
Articolo successivoWengen, Janka davanti dopo la discesa della supercombi
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine