Poca o troppa neve, o le regole FIS: dopo Foppolo, niente GPI a Lizzola

Le gare saranno recuperate ma non si sa ancora dove e quando

0
Andrea Squassino a Gressoney
Andrea Squassino ©Andrea Chiericato

Niente da fare, salta tutto nella bergamasca. Prima la penuria di neve, poi l’abbondanza e il meteo che fa le bizze: così vengono cancellate quattro gare FIS del Gran Premio Italia Giovani&Senior. Niente da fare a Foppolo dove erano in programma due giganti (uno GPI Giovani&Senior) che dovevano essere organizzati dal CUS Bergamo e dall’Orezzo Valseriana.

NIENTE DA FARE A LIZZOLA – Oggi la notizia ufficiale che non c’è nulla da fare nemmeno per gli slalom griffati UBI Banca Goggi di Lizzola in Valbondione. Le gare, in programma in un primo momento giovedì e venerdì con uno slalom GPI Senior ed il secondo GPI Senior&Giovani, sono state cancellate per l’impossibilità a lavorare la neve troppa e troppo molle. Tuttavia gli slalom stavano per essere spostati dall’organizzazione by Goggi a venerdì e sabato in un’altra stazione.

SALTATA ANCHE L’IPOTESI VAL PALOT – Si è provato prima con il Monte Pora, poi c’era la possibilità di gareggiare nella bresciana Val Palot: Antonio Noris e la sua truppa ieri avevano passato la giornata fino alla sera innoltrata fra filmati, report, rapporti e soprattutto ispezioni sulla neve fra Monte Pora e Val Palot. Tuttavia, il regolamento FIS, non consente lo slittamento appena uno o due giorni dalla data effettiva della manifestazione. Servirebbero almeno quattro giorni, così ha comunicato il delegato FIS. Un regolamento assurdo? Forse, visto che gli stranieri partecipanti erano stati avvisati dello spostamento della località prontamente, oltre ovviamente essersi messi in contatto con gli italiani. E così, vuoi per un motivo, vuoi per un altro, non si gareggia: le gare saranno da disputare prossimamente, ma le date sono ancora da decidere. Insomma, oltre all’inverno pazzo, ci roviniamo anche con le nostre mani.