Didier Cuche 'doma' la Streif: storica doppietta a Kitz

2
373

Lo svizzero precede lo sloveno Sporn e un grande Werner Heel

Festa grande a Kitzbuehel: con una gara perfetta, giusto mix di classe e potenza, di tecnica e intelligenza tattica, Didier Cuche ha vinto la 70° edizione dell’Hahnenkamm Rennen, completando una grande doppietta tra discesa e superG. Prima di lui, nella storia, ci erano riusciti solamente Hermann Maier nel 2001 e Stephan Eberharter nel 2002. Alle sue spalle lo sloveno Andrej Sporn: qualche giorno fa avevamo scritto che era una mina vagante e che prima o poi avrebbe piazzato la grande ‘zampata’. Ci è voluto il miglior Cuche per ‘tirarlo giù’ dal trono della Streif. Al terzo posto il nostro Werner Heel, che ha disputato una grandissima gara, ‘pagando’ solo nella stradina di scorrevolezza pura e dimostrandosi in forma strepitosa: dopo il rientro dll’infortunio al ginocchio ha ‘infilato’ un quarto posto a Wengen (ad un centesimo dal podio) e un terzo a Kitz, davvero niente male. Quarto posto per Mario Scheiber, quinto per Aksel Lund Svindal e sesto per Hans Grugger. Altra grande sorpresa: il settimo posto di Ivica Kostelic. Il croato è pienamente ristabilito dal problema al ginocchio e sembra davvero in forma ‘olimpica’. Il suo piazzamento è un’ipoteca per la combinata, che si completerà – secondo la formula classica – con lo slalom di domani. Per i colori azzurri una discreta gara di Stefan Thanei (ventesimo), più indietro, a ridosso del trentesimo posto, Innerhofer e Staudacher. Ottima, considerando che si trattava dell’esordio sulla Streif, la prestazione di Dominik Paris che ha concluso la sua gara in ventiquattresima posizione, dopo aver fatto segnare parziali ottimi in tutti i segmenti iniziali.

A BREVE L’AGGIORNAMENTO ‘LIVE’ DEL NOSTRO INVIATO A KITZBUEHEL.

2 COMMENTI

  1. questo è sci, questo è spettacolo, grandissimi tutti i ragazzi che si sono buttati giù dalla mitica Streif. Immenso Cuche, grandissimo Werner e giù il cappello davanti alla gara di Sporn. Ps sempre più bravo Dominik paris. occhio che questo diventa un grande discesista!