Cristian Deville e quella voglia di tornar grande

0

In Argentina non ha particolarmente brillato ma non fa drammi

E’ a casa nella sua Moena Cristian Deville. E’ rientrato da Ushuaia e per qualche giorno lo slalomista fassano ha staccato la spina dopo tre settimane di allenamento. Tornerà sulla neve il 25 settembre a Saas Fee, dalla settimana prossima invece lavoro dedicato alla preparazione atletica.

FUOCO DENTRO – Deville scalpita, ha il fuoco dentro, il desiderio di tornare competitivo è alto. Due anni fa era fra i più forti interpreti delle ‘porte strette’. Podi e una vittoria, ma una vittoria pesante, conquistata nel ‘tempio’ di Kitzbuehel. Da quel momento è diventato l’Eroe di Kitz, appellativo frutto di un successo indimenticabile che nessuno cancellerà mai. Lo scorso inverno una debacle. Senza se e senza ma. Dalla polvere all’altare, dal trionfo e dalle prime piazze a posizioni di rincalzo per uno che era abituato a primeggiare. E adesso? Deville ha ‘resettato’ tutto, guarda avanti con determinazione. In Argentina un periodo tuttavia di alti e bassi.

ALTI E BASSI A USHUAIA – Ci spiega l’Eroe: «Sono partito male, mi sentivo un po’ stanco a dire la verità. Così non trovavo le giuste sensazioni sulla neve e si vedeva dal riscontro cronometrico. Forse questo è successo a causa della preparazione atletica della primavera concordata con Vittorio Micotti. Abbiamo insistito sulla resistenza, abbiamo cambiato qualcosa nella preparazione. Forse a causa di questa scelta,  condivisa e voluta sulla base dell’esperienza passata, ero un po’ imballato. Poi con il passare dei giorni mi sentivo meglio e ho trovato il giusto feeling. Attenzione, non sono certo preoccupato. Ho lavorato tanto e non è questo il periodo per andare forte, anche se una condizione superlativa da subito fa sempre piacere».

SERENITA’ – E adesso? Continua Cristian: «Ho ancora tempo prima dello slalom inaugurale della Coppa del Mondo, e c’è tutto il tempo per arrivarci preparato e competitivo». Serenità Deville insomma. Già un passo in avanti, visto che lo scorso inverno mancava con il susseguirsi di risultati non alla sua altezza. Coraggio Eroe!

Articolo precedenteHintertux, Emiliani al lavoro
Articolo successivoAOC, tempo di premiazioni
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...