Cozzi: «Ecco perché le Alpi Centrali sono con Ghilardi»

0
282

Pubblichiamo la lettera inviata dal presidente del Comitato agli sci club

«In vista delle prossime elezioni che si svlgeranno il 24 aprile 2010, nel corso del Consiglio Regionale svoltosi il 7 aprile alla presenza dei presidenti Provinciali, è stato ribadito da tutti, senza nessuna voce contraria, il pieno appoggio a Carmelo Ghilardi, ed alla linea da lui seguita, quale, rappresentante delle Alpi Centrali alla candidatura per la Presidenza della Federazione Italiana Sport Invernali». Con queste parole la settimana scorsa il presidente Marco Cozzi ha aperto la home page del portale internet del Comitato Alpi Centrali. Risale invece a venerdì la lettera inviata a tutti gli sci club e poi resa pubblica sempre sul portale. La riportiamo in versione integrale.

«Tre anni fa, quando si doveva eleggere il nuovo Consiglio a seguito del commissariamento, decidemmo di puntare su Giovanni Morzenti quale Presidente affinché fossero realizzate quelle riforme strutturali necessarie per la Federazione. Purtroppo, solo pochi minuti dopo la sua elezione, Morzenti dimostrò di non voler cambiare le vecchie abitudini: nonostante quanto precedentemente da lui dichiarato e concordato con tutti i Presidenti Regionali nella composizione del Consiglio che avrebbe dovuto coadiuvarlo, e che prevedeva: la nomina di Dario Bazzoni a Vicepresidente vicario, all’uscita dell’Assemblea mi comunicò che Bazzoni non sarebbe stato Vicepresidente.
Considerato che questa decisione era stata da lui assunta in accordo con altri Presidenti Regionali, o su loro pressione, senza confrontarsi in alcun modo, ne dare alcuna comunicazione nel merito al presidente del Comitato Alpi Centrali, il presidente Morzenti non può cavarsela semplicemente affermando che si è trattato di un errore: infatti l’avere tenuto nascosta questa circostanza per parecchio tempo dimostra che l’azione è stata compiuta in malafede.

In egual misura tutti i programmi che erano stati concordati per consentire un miglioramento e uno sviluppo della Federazione sono stati disattesi.

– Non sono stati sviluppati i rapporti con i Comitati Regionali, anche se era prevista la costante presenza di una rappresentanza dei Presidenti Regionali (senza diritto di voto) nel Consiglio Federale.

– Non è stato tenuto in minimo conto il rapporto con la base e le società, fino ad arrivare a non convocare l’Assemblea delle Società nel 2008, prevista come obbligatoria dall’art 12 dello Statuto.

– I rapporti con le Istituzioni e gli Enti, internazionali, nazionali e locali, sono sempre stati improntati ad una litigiosità tale, per quanto riguarda il nostro territorio, da mettere in seria difficoltà la collaborazione che da anni abbiamo con la Regione Lombardia.

– I contributi per l’attività giovanile sono stati di fatto soppressi: l’ultima erogazione di veri e propri contributi risale al 2006. A settembre 2006 il Consiglio Federale ha deliberato l’aumento di € 4,50 del costo della tessera FISI, da € 22,50 ad € 27,00, e di questo aumento € 3,00 erano destinati ai Comitati Regionali, la cui quota sarebbe quindi aumentata da € 12 a € 15. I 15 € sono stati quindi erogati al termine della stagione 2006-2007. Ebbene, sul falso presupposto che l’assegnazione dei 3 € fosse una tantum, negli anni successivi sono stati assegnati ai Comitati solo 12 € per tessera, nonostante le continue proteste di alcuni Presidenti di Comitato (in prima linea CRAC e CAE). E’ facile osservare che ai Comitati è sempre spettata una quota superiore al 50% del costo della tessera; dato l’importo ad essi versato è di soli 12 € la quota percentuale si riduce da oltre il 57% sino a poco più del 44%.
Solo nel 2009 sono stati nuovamente erogati i 3 € in più per tessera., e di questo l’attuale Presidente se ne fa un vanto.
C’è poco da vantarsi! I contributi per l’attività giovanile sono stati soppressi e la quota percentuale di tesseramento spettante ai Comitati è stata ridotta! E per il 2010, dal 1° gennaio ad oggi, il Presidente Morzenti non ha mai accennato alla necessità di versare il contributo per l’attività giovanile.

Questi sono solo alcuni dei motivi – esemplificati – che hanno convinto il Comitato Alpi Centrali, Consiglieri e Presidenti Provinciali, a studiare un’alternativa valida, Con le capacità di innovare ed incidere sulla Federazione, senza tuttavia snaturarla.
E’ per questo che è stata studiata una squadra, che affianca persone di sicura esperienza ad elementi nuovi e giovani, in modo da garantire alla Federazione una evoluzione e non una rivoluzione.
E’ per questo che è stato studiato un progetto, già inviato a tutte le società e che richiederà comunque un certo tempo ed un impegno comune, da parte non solo di tutti i membri della squadra, ma anche di tutti gli amici della FISI, per la sua realizzazione, progetto che sarà perseguito con costanza e che consentirà alla FISI di rafforzarsi e crescere in tutti i settori
E’ per questo che non sono state fatte promesse alle varie zone per ottenere voti, proprio perché si vuole cambiare sistema.
Ed è per questo che chiedo a tutte le società del comitato, ed a tutti gli amici della Federazione, di essere uniti e coesi nel sostenere la candidatura a Presidente di Carmelo Ghilardi e quella della sua squadra, perché finalmente si possa arrivare a dei cambiamenti e a dei risultati
».