Cortina 2021, piste gia’ a buon punto

Focus Mondiali - Gli slalom al Col Drusciè; da migliorare i trasporti

0

Sei anni per preparare l’evento. A Cortina si inizia a programmare il futuro e i lavori necessari per ospitare i Campionati Mondiali di sci alpino. Finalmente la località ampezzana ce l’ha fatta, dopo una lunga trafila.  Nel 2021 la rassegna iridata tornerà in Italia, dopo Bormio 2005. L’ufficialità è arrivata dalla FIS i primi di maggio, con Cortina unica a presentare la candidatura. Di fatto, non dovendo ‘combattere’ con la concorrenza per la vittoria (designazione ufficiale tra un anno), la perla delle Dolomiti ha più tempo da dedicare alla realizzazione delle opere.

PISTE OK
– Il fronte delle piste di gara è forse quello meno problematico. L’Olympia delle Tofane è ormai un tracciato consolidato dove non sarà necessario lavorare molto. È chiaro che un evento mondiale qualche adeguamento andrà fatto. L’Olympia da anni ospita la Coppa del Mondo femminile di velocità e anche gran parte delle gare iridate si svolgeranno su questa pista. Le prove maschili si faranno su una nuova pista che partirà più in alto per poi proseguire nel Canalone (alla sinistra delle Tofane) e ricongiungersi al Rumerlo. Il gigante femminile si correrà sempre sull’Olympia delle Tofane, mentre quello maschile partirà dalla ‘Labirinti’, poco sotto e alla sinistra del salto Duca d’Aosta per poi immettersi sempre sull’Olympia. Sarà invece il Col Drusciè a ospitare i due slalom, una pista che si trova di fronte al parterre di tutte le altre gare e dove con ogni probabilità verranno fatti alcuni lavori.

TRASPORTI DA RIVEDERE – Dove invece bisognerà lavorare celermente è probabilmente sul discorso trasporti e infrastrutture. Proprio prima del referendum indetto per decidere se ricandidare Cortina in tanti si sono soffermati su questo tema. Anche sulla pagina ufficiale di Cortina 2021 era apparso un post ‘Vota Sì’ con elencati alcuni punti pro-mondiali come rinnovamento hotel, tangenziale, miglioramento servizi pubblici, eliporto, collegamenti treno-bus con gli aeroporti e tanti altri aspetti. Insomma, Cortina dovrà prepararsi per accogliere nel migliore modo e il più velocemente possibile squadre, delegazioni e tifosi. Il conto alla rovescia è iniziato.

 

//