Coppa Europa, il bilancio di Raimund Plancker

0
357

Soddisfatto Raimund Plancker, dopo le gare di san Vigilio. “Una due giorni positiva senza dubbio, con un podio ed una grande prova di Florian Eisath che ha davvero ritrovato la giusta brillantezza. Ha sciato benissimo la prima, mentre nella seconda è sceso con la testa, non è facile fare tattica nello sci”. Il coach gardenese traccia il bilancio dei giganti ladini. “Poi alte due note positive, ovvero il quarto posto di ieri di Adam Peraudo, che fa parte del gruppo Coppa Europa, e poi le due prestazioni più che positive di Antonio Fantino. Tuttavia anche se gli altri giovani non hanno brillato, non devono certo abbattersi. Casse, Plank, Borsotti, Di Ronco e De Aliprandini avrannno altre chance durante tutta la stagione in Coppa Europa. Non dobbiamo commettere l’errore di fare scelte azzardate, guardate Carlo Janka che si è fatto un biennio fisso in Coppa Europa ed il primo anno non andava”. Intanto Fantino esulta nella finish area: “Seconda gara in testa come giovane, che dire? Avanti così, ero un po’ demoralizzato dopo le prime gare, non credevo di andare così forte”.

Articolo precedenteLa soddisfazione degli azzurri
Articolo successivoMaria Riesch, grande prima manche
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...