Coppa Europa, contingenti mai piu' incompleti?

0

Il dt giovanile Serra: «Squadre aperte, vogliamo monitorare tutti»

Venti Senior convocati per i raduni estivi ed autunnali, una novità. Alessandro ‘Capitan Futuro’ Serra, nuovo direttore tecnico del settore giovanile e punto di riferimento per la Coppa Europa, si fa portavoce di questa iniziativa: «La FISI procede sui temi della condivisione, della programmazione collegiale, dell’unità. Non vogliamo lasciare niente al caso, vogliamo prima dell’inizio della Coppa Europa avere le idee chiare. Innanzitutto penso che i contingenti per la Coppa Europa, anche per le prime gare, debbano essere completi. Tuttavia non deve essere una corsa a riempire i tasselli mancanti, vogliamo ponderare tutte le scelte, arrivare all’opening del circuito continentale forti di aver fatto le scelte giuste. Per questo prima dell’inizio della stagione vogliamo verificare un gruppo di venti atleti in particolare dei gruppi militari che possono avere tutte le possibilità di correre la Coppa Europa. Saranno stage importanti, dove faremo le nostre valutazioni. Le squadre C&B sono praticamente compagini juniores, a parte qualche eccezion di Senior d’eccellenza, così è stato utile programmare questa serie di raduni per tenere tutti sotto controllo. Chi si distinguerà in questi raduni prenderà poi parte agli allenamenti di rifinitura prima della partenza del circuito continentale. Questo dovrebbe essere l’iter. La squadra per la Coppa Europa insomma non è fatta a priori. Certo, i C&B avranno per alcuni versi la precedenza, ma i posti non si esauriscono con gli azzurri. Devo avere la squadra più forte a prescindere, quindi il giusto mix fra C&B, azzurri di interesse nazionale e militari».
 

Articolo precedenteEcco i Senior di interesse nazionale
Articolo successivoIl Gruppo Rossignol al fondo Altor
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...