Contributi, Buzzi e Battilani quanto pagheranno?

Dilemma per gli azzurri che fanno la spola tra CE e Coppa del Mondo

13

Indiscrezioni e smentite, poi l’invio delle lettere. Non si placca la polemica sulla richiesta di contributo che la FISI ha chiesto agli atleti. Prima a quelli di Coppa del Mondo, ora anche a quelli di Coppa Europa. In tanti sono d’accordo, molti altri invece non lo sono affatto. Ma intanto sorge spontaneo domandarsi come verranno trattati quegli atleti che fanno la spola tra una squadra e l’altra. I primi esempi sono Emanuele Buzzi ed Henri Battilani, ma guardando al settore femminile anche a Federica Sosio. Loro si sono allenati moltissime volte con il gruppo Coppa del Mondo, i due velocisti di Alexander Prosch sono anche reduci dalla lunga trasferta cilena. Ora verranno considerati come atleti di Coppa Europa e quindi salderanno una quota minore oppure pagheranno come i big della Coppa del Mondo? Nel caso di un contributo di 2.000 euro parteciperanno anche alla trasferta americana di Novembre? Teoricamente dovrebbe essere così, in caso contrario sarebbe davvero un peccato lasciare a casa due validi velocisti che avrebbero una occasione in più per confrontarsi…

13 COMMENTI

  1. Ma perché non facciamo pagare ai Presidenti di Comitato e a certi allenatori in pensione tutte quelle spese che hanno caricato sulla Federazione negli anni passati ???
    Audi a go go per certi Presidenti e Allenatori…perché AMICI degli AMICI???
    Li c'è stato lo sperpero…

  2. Non sono un addetto ai lavori,ma credo che le risposte alla domanda di lcmarco da parte degli addetti possano essere anche diametralmente opposte. Ovvio che chi ha deciso questo debba perorare la causa giustificando in qualche maniera,mentre penso che molti dall'interno critichino questa posizione. Personalmente credo sia un controsenso,perchè se un atleta viene inserito in squadra (e non entro nel merito della decisione a monte)ritengo sia giusto che,finalmente,smetta totalmente di pagarsi trasferte e allenamenti. Diverso il caso di aggregati,osservati,atleti di interesse nazionale e chi più ne ha più ne metta per definire chi non fa parte di una determinata squadra,atleti per i quali può essere utile e prestigioso potersi allenare con chi,in teoria,è più forte,e quindi in tale ottica si può accettare un contributo.All'estero succede anche che atleti di altissimo livello,ma non ufficialmente in squadra,paghino per potersi allenare regolarmente con gli ufficiali. Ma chi è in squadra non deve pagare,tenendo anche presente che per gli allenamenti "in zona" gli atleti devono raggiungere la località o,quanto meno,un luogo di ritrovo,con mezzi propri,quindi con una spesa che,se può essere trascurabile per affermati campioni di WC,non lo è per chi magari è appena entrato nella C. Se non sbaglio mi sembrava che una polemica su questo argomento fosse stata aperta da papà Ronci.

  3. pongo una domanda provocatoria , visto che spendiamo come federazione dei soldi per psicologi dello sport e molti atleti sono seguiti dal punto di vista motivazionale da un consulente di loro fiducia , pagare di tasca propria una quota per affermarsi nelle proprie prestazioni sportive , è una motivazione ulteriore , responsabilizza , fa crescere come persone dei giovani atleti dal punto di vista professionale ? sarebbe interessante il parere di un addetto ai lavori .

  4. Stranamente i soldi per mandare Schieppati la Ceccarelli e compagnia a farsi belli si sono trovati in un minuto, mentre per i nostri atleti non ce ne sono. È questo il progetto Futur fisi tanto acclamato?
    Quelli di quest'anno ne pagano 2000 tra 10 anni…

  5. Contributo Atleti? E' l'innovativo metodo della Fisi per autopromuoversi cosi' come lo potrebbe essere il vociferato aumento della tessera 2015/16. Teniamo presente la scarsa efficacia di Facebook, la Fisi piace a soli 11.000 utenti (Federugby 190.000 – Fidal 55.000 – Federcanoa 8.500 !!!) e di Twitter visto che meno di 6.000 sono i followers piu' o meno attenti ai cinguettiii di via Piranesi, contro i 75.000 dei rugbisti o i 15.000 degli schermidori. Ma i veri colpi in canna saranno sempre gli entusiastici comunicati del Presidente e l'ultimo riguardante Interski ne e' la prova (almeno la versione dei fatti avrebbe potuto concordarla con il suo omologo dell'Amsi…)

  6. Non vorrei risultare polemico…ma perché solo ora si chiedono sacrifici agli atleti???
    Quando ci sono presidenti di comitato che si fanno rimborsare pure l'autostrada…e le cene…???
    Dalla base deve venire il sacrificio…