Ci vuole Ghezze

0
1872

Anche 'Much' Mair e Viale per riportare in alto le velociste?

Nel settore velocità femminile ci voleva una scossa, una scelta forte. Così è stato: un terremoto, una rivoluzione. Le atlete del gruppo Coppa del Mondo sono rimaste praticamente le stesse, ma il grande cambiamento è stato attuato nello staff tecnico. D’altronde già da inizio stagione sembrava proprio mancare la fiducia negli allenatori, per qualcuno forse anche la stima. Così è stato chiamato a coordinare la compagine delle ‘jet rosa’ Alberto Ghezze. Dopo l’esperienza con la C ed un biennio sfavillante con il gruppo Coppa Europa, il navigato tecnico cortinese ha preso in mano la squadra. Coach stimato, ma soprattutto un valido motivatore, una persona equilibrata, un allenatore che parla non solo alle gambe delle atlete, ma anche al cuore ed alla testa. Almeno così non hanno mai mancato di affermare le sue atlete. Nella squadra B si era creato un eccellente ambiente: è vero, le vittorie fanno tanto, ma a stupitre erano le ragazze che hanno sempre parlato di serenità ed armonia che lo staff sapeva sapientemente infondere, oltre che parlare di curve e linee, immagini video e tattica.

ARRIVANO ‘MUCH’ MAIR E VIALE? – Ghezze ha portato ‘sopra’ il fedelissimo forestale Giovanni ‘Johnny’ Feltrin, quindi Monika Mueller nel ruolo di preparatrice atletica e Mattia Lavelli come allenatore-skiman. E poi altri due nuovi ingressi: non è ancora stato comunicato nulla di ufficiale, ma dovrebbero far parte del team anche Michael ‘Much’ Mair, già direttore tecnico del settore femminile e amico da sempre di Ghezze, e anche Marco Viale, già gran capo della Spagna.

Articolo precedenteASIVA, il bilancio di Laurent Praz
Articolo successivoMarsaglia, operazione riuscita
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...