CE, Slalom Melchsee Frutt alla Zuzulova

4
592

Costazza decima, Irene Curtoni undicesima

C’era un ‘parterre de roi’ allo slalom di Coppa Europa di questa mattina a Melchsee Frutt, in Svizzera. Ai primi tre posti si sono classificate Veronika Zuzulova, Emelie Wikstroem, e Therese  Borssen. La prima azzurra è Chiara Costazza, decima a 2.14, seguita da Irene Curtoni, a 2.20. Nicole Gius è arrivata ventitreesima, Sarah Pardeller trentesima, Michela Azzola quarantatreesima, Michela Borgis è stata squalificata nella prima manche, Marta Benzoni è saltata nella seconda, Janina Schenk e Sabrina Fanchini nella prima.

4 COMMENTI

  1. Suggerimento per la redazione … oltre ai "fumetti" che indicano che ci sono dei commenti, potete mettere anche il n° di quanti sono ? … così almeno dalla prima videata si vede subito che ci sono dei commenti nuovi non letti.

  2. Talian sicuramente hai ragione tu … io non Conosco la Costazza anche se so che è stata una bella atleta. Tuttavia vedo che spesso la migliore è ancora la Gius …bravissima e simpaticissima ragazza … ma i giovani sostituti dove sono ? Parlando con allenatori, mi dicono che il livello dello slalom femminile è molto basso e, ripeto, a parte la Schild le altre sono poca cosa. Mi dicono che la cosa dipende dallo sci che è troppo rigido per le donne e la maggior parte non ha la tecnica e/o la forza di deformarlo. A questo punto prendere una ragazza e farla dedicare allo slalom non porterebbe anche a dei risultati "abbastanza" facilmente ? … mi pare che l'americanina del 95 lo stia dimostrando.

  3. Sono d'accordo solo in parte con Zano. Concordo sul fatto che sarebbe molto interessante fare sedute di allenamento in comune con gli uomini. Non sono assolutamente d'accordo invece sul fatto che il livello alto delle slalomiste nostrane sia espresso solo dalla Moellg. Una slalomista di classe cristallina l'avevamo, eccome se l'avevamo!! Vorrei ricordarti di come Chiara ha vinto d'autorità a Lienz, in casa delle austriache, dominando entrambe le manche (la Moellg non ha mai vinto in coppa del mondo). L'anno in questione Chiara Costazza era nel primissimo gruppo di Slalom (le prime 7) ma qualcuno ha ritenuto indispensabile farla scendere ad Aspen in gigante con un pettorale altissimo in mezzo a buche enormi…l'anno dei mondiali!! Dopo l'operazione al tendine di achille l'hanno fatta gareggiare per una stagione intera con un'infezione in corso e, praticamente sciando con una gamba sola, ha pure vinto gli italiani. Adesso dopo l'ennesimo intervento deve faticare ripartendo con pettorali molto alti e soprattutto cercando di ritrovare il giusto morale. Non credo sia giusto non riconoscerLe un valore assoluto che si merita nonostante come sia stata gestita.

  4. Come mai siamo così forti nello Slalom maschie e così scarsi in quello femminile ? E' dai tempi della Quario e due Magoni che non abbiamo slalomiste ( tranne qualche exploit della Moelgg e Costazza) veramente forti. Non è possibile per le femmine fare degli allenamenti ogni tanto con i maschi ? … a sentire gli addetti ai lavori il livello generale delle Femmine è molto basso … a parte una … per cui non dovrebbe essere così difficile migliorarsi. Credo che la Moelgg sia molto più brava di quel che mostra … ma qualcosa deve cambiare affinchè possa dimostrare sul sero la sua classe.