Carlo Janka davanti a tutti

0
77

I primi sei in 47 centesimi, slalom alle 15.45

A mezzogiorno c’è il sole, siamo sotto lo zero, ma non fa così freddo. La pista è difficile, il tracciato del superG della supercombinata, gira, meglio non tira troppo dritto. I primi stentano a trovare la linea giusta: su sette ne arrivano due in fondo. Ma chi arriva firma un gran tempo, John Kucera. Fuori Cuche e poi fuori Svindal e Miller. Raich ringrazia. Alla fine arriva Carlo Janka e mette tutti d’accordo. Primo lo svizzero, poi Kucera, Kostelic, Raich, Ligety e Albrecht in mezzo secondo. Si accettano scommesse sul podio. Gli azzurri, alla fine sono sei nei trenta. Il migliore è Peter Fill, buon settimo nonostante debba fare i conti i sintomi dell’influenza intestinale; decimo Staudacher, undicesimo Thanei, quattordicesimo Innerhofer, diciannovesimo Mölgg, ventiduesimo Eisath. Trentunesimo Heel: «Girava troppo per me, sai che preferisco tirare dritto».
Adesso slalom, alle 15.45.

Articolo precedenteI numeri degli azzurri
Articolo successivoGodiamoci la seconda manche
Davide Marta
DIRETTORE EDITORIALE - Classe 1974, piemontese, maestro di sci, ex-atleta dello sci alpino. È il fondatore della rivista e da oltre vent'anni se ne occupa, dapprima sul campo in prima persona, ora come coordinamento e pubblicità