'Capitan Futuro' e la spedizione argentina

0
363

Tredicesimo giorno a Ushuaia per il gruppo Coppa Europa maschile

Tredicesimo giorno in Terra del Fuoco per il gruppo Coppa Europa maschile. Oggi si torna sulle nevi del Cerro Castor, dopo un giorno di riposo. Alessandro Serra, il responsabile del gruppo, fa il punto della situazione: "La prima parte della preparazione si è basata sulla distinzione fra gigante e slalom, due gruppi di lavoro insomma. Adesso invece Mattia Casse, Paolo Pangrazzi ed Andy Plank già da quattro giorni fanno velocità con il gruppo dei discesisti di Coppa del Mondo". Del resto lo sappiano bene, il gruppo Coppa Europa è ‘cinghia di trasmissione’ fra i big e i giovani e spesso a preparazione avviata diversi atleti possono cambiare gruppo di lavoro. Continua ‘Capitan Futuro’: "E’ così. Casse, Plank e Pangrazzi saranno inseriti con il team dei discesisti piano piano. Avranno da subito opportunità nella massima serie e vedremo se riusciranno a sfruttarle fin da subito. Inoltre ci sono due atleti più votati alle ‘porte strette’. Sto parlando di Riccardo Tonetti e Roberto Nani. Vanno bene, il primo finalmente non ha più problemi fisici e sta andando forte. Poi in gigante inizia a fare vedere grandi cose Luca De Aliprandini, almeno così dice il cronometro. E non dimentichiamo Andrea Ravelli. In questi giorni con noi è rimasto anche Giovanni Borsotti. Poi rimane Antonio Fantino, che purtroppo ha ancora qualche problema al ginocchio. Questo è il team, anche se sono ormai con noi Alessandro Brean, Alex Zingerle, Francesco Romano e ultimamente anche Carlo Beretta. E’ necessario iniziare un cammino in Coppa Europa anche con i giovani più competitivi, per non improvvisare nulla". Parola di Capitano.