Cambia il programma a Roccaraso

2
306

Domani prova alle 10 e alle 12 la discesa

Aggiornamento ore 18.00 – Sembrava un’ipotesi azzardata, ma il miglioramento pomeridiano delle condizioni meteo e una ‘finestra’ di bel tempo di 4 ore prevista per domani, ha suggerito alla giuria di procedere con un nuovo programma: domattina, alle ore 10.00 prenderà il via la prova cronometrata e a seguire, alle 12.00 via alla gara di discesa libera. Questa possibilità era stata inizialmente scartata poiché con le precipitazioni nevose ancora in atto non sembrava che la pista potesse reggere la discesa doppia dei 69 atleti iscritti. Invece, verso le 14.00 il cielo ha fatto intravedere anche dei tratti di azzurro ed è venuto fuori tutto il lavoro di preparazione pista realizzato in questi giorni. Il terreno è duro e compatto ed è in grado di sopportare 138 discese grazie anche all’elevato numero di lisciatori messi a disposizione del Comitato organizzatore. Anzi per la verità le discese saranno 140 perché in partenza, con il pettorale di apripista, ci sarà Chiara Carratù, l’atleta entrata quest’anno nel gruppo di “interesse nazional”e, beniamina dello sci del sud. La presenza di Chiara era data in forse poiché nell’ultimo slalom Fis disputato aveva avvertito un risentimento dietro al ginocchio. Si temeva a un problema al legamento ma gli accertamenti medici hanno escluso qualsiasi lesione, attribuendo il fastidio a un piccolo strappo, ormai risolto.
Se tutto dovesse filare liscio, dunque, ovvero se questa insperata tregua del maltempo continuerà, significa che giovedì 3 si potrà partire con il superG rispettando il programma originario. Una buona notizia perché sabato e domenica 5/6 marzo, Roccaraso, nella ski area dell’Aremogna, ospiterà due prove di Coppa del Mondo di sci alpino Carving, giunta al quinto appuntamento stagionale. Lo staff organizzativo è lo stesso della Coppa Europa con l’aggiunta di altro personale, poiché nella zona di arrivo della pista Gravare Corte, sarà allestito un villaggio promozionale costituito da tende, gonfiabili e stand degli sponsor a disposizione del pubblico.

Aggiornamento ore 15.00 – Anche la seconda prova cronometrata della discesa libera (la gara era fissata in calendario domani) è stata annullata. Un vero peccato, perché la neve già da ieri sera aveva allentato la sua forza e il manto nevoso della pista Direttissima di Monte Pratello a Rivisondoli si trovava in perfette condizioni all’ispezione di giuria delle 7 e a quella successiva delle 9.45 effettuata con tutti i capi squadra. Merito del lavoro organizzato dallo staff di pista che ha impiegato i gatti per tutta la notte, in maniera perfetta, tanto da meritare il plauso di tutte le delegazioni. Purtroppo, la parte alta, particolarmente esposta al vento, è stata per tutta la mattina completamente avvolta dalla nebbia e da raffiche impetuose. Impossibile dunque procedere con l’allenamento che, ricordiamo, è obbligatorio per la specialità della discesa. Agli atleti è stato comunque concesso di sciare in pista dalle 9.30 alle 11 se non altro per provare il pendio. Ora si aprono diversi scenari: quello più probabile considera di procedere domattina con la prova, e spostare il programma di un giorno, vale a dire, giovedì 3 la discesa e venerdì 4 il superG. Nel caso domani non si riuscisse a effettuare la prova, la Fis potrebbe decidere di annullare la discesa e proseguire giovedì con il superG. C’è anche l’idea di abbassare la partenza della discesa e disputare la gara in due manche. Insomma, tutto dipenderà dalla giornata di domani. Markus Waldner, responsabile Fis della Coppa Europa maschile, ha rigettato al mittente la proposta avanzata da parte della squadra austriaca di lasciare Roccaraso. «Dinnanzi alla natura non c’è nulla da fare, anzi bisogna imparare a rispettarla e ad adeguare i programmi quando il meteo è inclemente. Questa discesa, preparata alla perfezione, dobbiamo cercare di portarla a casa, ovviamente se ci saranno le condizioni, anche perché rappresenta un test proprio importante per atleti e Comitato organizzatore in vista dei Mondiali Juniores del 2012». Dietro a questa richiesta c’è forse anche un giochino di squadra. Attualmente Johannes Kroell comanda la classifica di specialità davanti allo svizzero Vitus Lueoend e al connazionale Manuel Kramer e una gara in meno potrebbe consentire ai ragazzi del Wündertram di mettere in cassaforte un risultato straordinario. Dopo Roccaraso ci sarà un’ultima possibilità per i discesisti del circuito continentale, vale  dire quella conclusiva di Formigal, in Spagna a metà marzo, anche se arrivano voci di un innevamento ridotto all’osso.
Lo staff azzurro è invece ben felice di affrontare l’appuntamento di Roccaraso, da Alessandro Serra a Matteo Joris, entrambi rimasti favorevolmente colpiti dal lavoro svolto finora dal Comitato e dallo spiegamento di forze messe in campo, che difficilmente si trova in Coppa Europa. Intanto in serata a Roccaraso giungerà il Presidente della Fisi Giovanni Morzenti, assieme a Reinhard Schmalzl (Commissione Giovani), per fare il punto della situazione assieme al Comitato organizzatore, non tanto sulle gare di Coppa Europa, quanto sui Mondiali Juniores 2012 previsti sulle nevi di Roccaraso, Rivisondoli e Alto Sangro. Già oggi in pista si è presentato Flavio Roda, allenatore per tanti anni delle squadre nazionali, poi di Alberto Tomba e oggi a capo dell’STF (Scuola Tecnici Federali).

 

2 COMMENTI

  1. Alla riunione di giuria delle 17:00 si è deciso per un nuovo programma: Alle ore 10:00 prova cronometrata e alle 12:00 la gara di Discesa. Un'accurata analisi meteo realizzata da Meteomont, della Guardia Forestale, ha infatti evidenziato una "finestra" di tregua di 3/4 ore che dovrebbe consentire l'inizio delle competizioni. L'unico pericolo rimane la nebbia nella parte alta, ma… domani si vedrà (Uff. stampa Roccaraso)