C e B maschile: quattro o piu’ innesti?

Come cambieranno le squadre? Gli altri tutti confermati?

3

Tutto ruota intorno ai numeri e ai nomi effettivi e nominali. Si stanno costruendo le squadre B e C maschili e la questione numerica sembra essere al centro dell’attenzione. Gruppi ristretti e lavoro mirato, oppure aumentare i numeri abbassando la qualità? Il cantiere è ancora ampiamente aperto, i responsabili hanno già fatto i nomi, ma si stanno sistemando gli ultimi dettagli prima dell’approvazione definitiva.

QUALCHE NUOVO INNESTO – Complessivamente il gruppo B e C dovrebbe crescere di qualche unità. Si parla di 4-5 atleti in più. Difficile fare dei nomi precisi, anche perché la composizione delle squadre spesso non coincide con gli effettivi gruppi di lavoro che, secondo alcuni, saranno divisi per disciplina. Partiamo dalle certezze. Entreranno in azzurro (probabilmente in B) Nicolò Cerbo, Daniele Sorio, Alex Hofer, vincitori della ‘standing’ del Gran Premio Italia e poi Andrea Ballerin. A differenza del settore femminile, dove si starebbero allargando gli orizzonti, non dovrebbero essere presi in considerazioni gli immediati inseguitori del GPI, ovvero Federico Gariboldi, Fritz Lintner e Florian Schieder. Si pensa invece a qualche nome ’97 o ’98? Simon Maurberger e Tommaso Sala, quasi certamente lavoreranno con la Coppa Europa ma, anche in questa situazione, non è detto che il loro nome risulti ancora in C. Stesso identico discorso per Federico Paini che andrà con il gruppetto di CE di velocità insieme a Cerbo, Emanuele Buzzi e Matteo De Vettori. E Henri Battilani? Il valdostano dovrebbe restare nominalmente in B, ma probabilmente verrà proiettato con il gruppo Coppa del Mondo. Giordano Ronci dovrebbe essere in B, mentre Matteo Marsaglia, Giovanni Borsotti, Mattia Casse e Alex Zingerle lavoreranno con i rispettivi gruppi maggiori indipendentemente dalla squadra effettiva di appartenenza (lo scorso anno i loro nomi risultavano in B). In B&C la scorsa stagione c’erano anche Rocco Delsante, Francesco Romano, Luca Riorda, Fabian Bacher, Giovanni Pasini, Federico Liberatore, Davide Da Villa e Hannes Zingerle. Resterà tutto invariato? Ci saranno delle promozioni sul campo o effettive? Qualcuno lascerà l’azzurro? È ancora presto per avanzare delle ipotesi.

STAFF CONFERMATI – Non dovrebbero esserci cambiamenti negli staff tecnici. Ivan Nicco e Alexander Prosch indicativamente non cambieranno nulla. Forse entrerà un nuovo skiman-allenatore in Coppa Europa, visti i numeri in lieve aumento.

3 COMMENTI

  1. Teoricamente non c'era una regola, o almeno una consuetudine, che diceva che gli atleti che entravano più volte nei 30 in EC passavano fissi in squadra B? Perché, seppur solo nominalmente, atleti come Maurberger, Paini e Sala dovrebbero rimanere in squadra C? Considerando il fatto che invece si diano per sicuri in B atleti che in EC non si sono nemmeno avvicinati ai primi 30!
    Regola che invece non condivido è quella che dice che in C debbano esserci solo atleti ancora nella categoria giovani. In squadra B dovrebbe starci solo chi in EC si è già fatto vedere e che può giocarsi dei posti discreti in classifica, mentre chi non ha ancora il livello pieno dovrebbe restare in C per migliorare fino al raggiungimento del livello necessario per il gradino europeo, e non per forza in B solo perché non rientra più in questa età. Anche perchè una C così chiusa preclude a gente più grande con un discreto livello la possibilità di entrare in squadra. L'esempio perfetto è Federico Gariboldi, uno tra i più forti gigantisti italiani, medaglia di bronzo ai campionati italiani giovani che vede chiusa la porta della C per la sua età (fuori di un anno solo) e chiusa quella della B perché magari non ancora a livello EC.(Anche se non si può sapere perché non vi è mai stato portato, anche perché doveva fare il grand prix (che ha chiuso secondo)).