Brignone, da Maribor: 'Ho sciato male nella 2a manche'

0

Nicole Agnelli: «Abbastanza soddisfatta, potevo osare di più nella prima»

Tre azzurre tra le prime nove della classifica finale, sei nelle venti, su dieci in partenza. Il risultato è sicuramente buono per la squadra di Livio Magoni, ma, come è spesso capitato, resta un po’ d’amaro in bocca per un podio che poteva essere conquistato e alla fine non è arrivato. Quarta Nadia Fanchini, ottava Federica Brignone, nona Irene Curtoni, 15esima Marsaglia, 16esima Moelgg, 20esima Agnelli. Fuori nella seconda manche Bassino e Sabrina Fanchini, non qualificate Elena Curtoni e Valentina Cillara Rossi, all’esordio in Coppa del Mondo

FEDERICA BRIGNONE – «La pista era bella, ho fatto una buona prima manche, ma ho sciato male nella seconda e me ne sono resa conto durante la gara», ci dice la valdostana, comunque sempre nelle prime otto quest’anno nei giganti di Coppa del Mondo tranne a Kuehtai.

NICOLE AGNELLI – «Sono abbastanza soddisfatta, soprattutto per come ho sciato nella seconda manche. Durante la prima invece avrei potuto ‘mollare’ un po’ di più… ».

IRENE CURTONI – «Sono contenta innanzitutto perché ho sciato bene. Certo, speravo di recuperare più posizioni dopo la seconda manche, ma le ultime nove atlete sono andate tutte molto forte…». 

Domani slalom con Costazza, Moelgg, Irene Curtoni, Brignone, Agnelli e l’esordiente Sosio, valtellinese, classe ’94. 

 

Articolo precedenteTripletta austriaca a Saalbach. Successo di Mayer
Articolo successivoMagoni: 'Manca la cattiveria agonistica per vincere'
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine