Brignone: 'A Vail per giocarmi le mie chance'

0

Il programma delle slalomgigantiste prima della partenza per il Colorado

Velociste azzurre già in America, slalomiste e gigantiste a Pozza di Fassa (e non solo) per preparare a meglio l’appuntamento iridato di Vail/Beaver Creek, che scatterà il prossimo 2 febbraio con la prima prova cronometrata della discesa libera femminile (prevista poi il 6 febbraio, la prima gara in assoluto sarà il superG donne, il 3).

PROGRAMMA – Sei giorni di gigante e slalom su piste e nevi diverse per Brignone, Manuela Moelgg, Costazza, Bassino cui si aggiunge Irene Curtoni, non convocata per i Mondiali, ma che ovviamente si allena per il ritorno in Coppa del Mondo. «Varieremo località e pendii appunto – ci dice il responsabile del team, Livio Magoni, tra Carezza, Pozza di Fassa e Lusia. Gigante e slalom tutti i giorni. Assente Nicole Agnelli, che gareggerà in due giganti FIS a Lackenhof, in Austria, prima di trasferirsi a San Candido per la Coppa Europa; Nadia Fanchini è ovviamente già in America per discesa e superG, mentre Azzola la ritroveremo nella prossima stagione dopo la seconda operazione al ginocchio». 

RIFINITURA – «Iniziamo questo stage dopo un periodo di dieci giorni dedicato alla preparazione atletica, con Federica Brignone e Chiara Costazza convocate già da domenica scorsa da Muzzarelli per essere seguite da vicino; Manuela Moelgg era reduce da un’influenza, mentre Bassino e Agnelli hanno inizialmente riposato dopo le gare di Coppa Europa in Austria, a Zell am See. Irene Curtoni, invece, ha preferito allenarsi a casa. Le prime prove in gigante le faremo al Passo Lusia, in Trentino, sulla pista del Piavac, simile al pendio di Beaver Creek».

VIDEO INTERVISTA realizzata dalla FISI. 
 
 

 
 

Articolo precedenteRulfi: 'Squadra in salute e Beaver ci piace'
Articolo successivoFIS, gigante a Giraud Moine. Undicesimo Riorda
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine