Brignone: «Le piste di PyeongChang 2018? Molto dipenderà dalla neve e gli organizzatori mi sono sembrati bravi…»

La campionessa valdostana, ospite a Roma da Giovanni Malagò assieme a Dominik Paris e Peter Fill, si è soffermata sui pendii olimpici di Jeongseon e YongPyong, che ospiteranno rispettivamente le gare di superG, discesa, combinata alpina e gigante-slalom ai Giochi coreani

0
Paris, Brignone e Fill a Roma

Tempo di incontri importanti a Roma anche per Federica Brignone, presente al Foro Italico, assieme a Peter Fill, Dominik Paris ed Emanuele Gaudiano alla corte di Giovanni Malagò, Presidente CONI, e del Segretario Generale, Roberto Fabbricini. I quattro atleti, tesserati appunto per il Gruppo Sportivo dei Carabinieri, hanno visitato la Sala delle Fiaccole, il Salone D’Onore e – dopo aver ripercorso idealmente i successi dell’ultima stagione – si sono soffermati sui prossimi obiettivi agonistici. Lo sguardo è rivolto ai Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio 2018.

17972173_988915474577183_415422718162742270_o

PISTE OLIMPICHE – La valdostana, che durante l’ultima Coppa del Mondo ha effettuato un sopralluogo a YongPyong, sui pendii che ospiteranno le gare di gigante e slalom in Corea e poi testato invece la pista olimpica da discesa, superG e combinata alpina a Jeongseon (20esima in discesa, 4a in superG), ha parlato così dei futuri tracciati a Cinque Cerchi: «La pista da gigante/slalom non è facilissima, ma nemmeno così difficile. Diciamo su una media pendenza. Tutto dipenderà dalla neve. Ma sembrano molto bravi nella preparazione proprio del manto e quindi… questo dovrebbe essere un punto a nostro favore, noi italiani siamo tutti molto tecnici. La pista da superG e discesa non ha in realtà grosse difficoltà, se non nei dossi; sicuramente non mancano bei movimenti del terreno. Vedremo poi come tracceranno. Se posso permettermi, ritengo che il pendio di Jegonseon sia ancora un po’ facile, ovviamente mi riferisco solo ai miei gusti personali, ma sicuramente gli organizzatori sapranno come renderlo più difficile e spettacolare per PyeongChang 2018».

//platform.twitter.com/widgets.js

//platform.twitter.com/widgets.js

//platform.twitter.com/widgets.js